Logo ImpresaCity.it

Aica, obiettivo competenze digitali

La Convention 2018 dell’associazione ribadisce l’importanza di investire nel capitale umano e nella formazione digitale

Il tradizionale appuntamento di fine ottobre con la Convention annuale di Aica, l’Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico, ha costituito l’occasione per un confronto sugli scenari e sulle opportunità della Digital Transformation. Tra i temi dibattuti, quello di maggiore spicco è stato senz’altro quello delle competenze e delle opportunità professionali del futuro: continua infatti a crescere la domanda di professionisti con skill e competenze digitali altamente specializzati, a fronte però di un’offerta notoriamente insufficiente, come emerge puntualmente dal Rapporto dell’Osservatorio delle Competenze Digitali, promosso dall’Aica stessa. Non a caso, ha sintetizzato Giuseppe Mastronardi, Presidente di Aica, “il tema che emerge da ogni punto di analisi è la domanda importante di competenze digitali e la necessità di investire nel capitale umano, fattore essenziale per la crescita di cui il nostro Paese ha bisogno. Le digital skill sono fondamentali perché l’evoluzione tecnologica sia sempre più rapida e la trasformazione digitale garantisca occasioni per creare nuove opportunità”.

Inedita collaborazione
Ma se il mercato è alla ricerca di figure professionali con un adeguato sapere digitale, è arrivato il momento di adeguare i percorsi formativi. Proprio quello che hanno fatto i primi due atenei milanesi: Bruno Pavesi, Consigliere Delegato dell’Università Bocconi di Milano e Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, hanno infatti illustrato durante la Convention Aica l’inedita collaborazione siglata a fine ottobre tra i due istituti, che porterà, a partire dall’anno accademico 2019/2020, ad arricchire l’offerta didattica di entrambe le università con la nuova laurea magistrale congiunta in Cyber Risk Strategy and Governance. Mirato a soddisfare un segmento di domanda emergente e in forte crescita attraverso le competenze complementari di Bocconi e Politecnico, il corso, in lingua inglese, è aperto a 50 studenti e fornirà gli strumenti necessari a comprendere, valutare e governare le opportunità e le minacce derivate dalle tecnologie emergenti. In particolare, i laureati saranno in grado di affrontare i cyber risk e il loro impatto sulle performance delle organizzazioni. Il titolo rilasciato sarà riconosciuto da entrambe le università ed è rivolto a chi ha un background in materie tecnologiche e computer science, ingegneria, management, scienze politiche, con un forte interesse per la prevenzione e il contrasto al cyber risk.

aica conventionUn momento della Convention Aica. Al microfono, Giuseppe Mastronardi
Domanda crescente
E anche dall’osservazione sulle professioni non informatiche, in cui si colloca la maggioranza degli occupati e dei candidati all’assunzione, si è rilevato che è necessario soddisfare la domanda crescente di skill digitali. In tutti i settori e in tutte le funzioni aziendali, è richiesta la capacità di competenze digitali avanzate per comunicare, incrementare le vendite, migliorare la produttività e gestire i sistemi informativi. Più in dettaglio, l’Osservatorio ha analizzato le informazioni contenute in 540.000 ricerche di personale via web per 239 figure professionali svolte nel 2017, con ulteriori rilevazioni e focus group per i settori dell’Industria, del Commercio e dei Servizi, con particolare riferimento alla manifattura della meccanica e del fashion, al piccolo commercio al dettaglio della moda, all’hospitality, cioè alberghi e ristorazione, e al settore pubblico.

Il fattore Digital Skill Rate
Il peso degli skill digitali, indicato spesso come DSR, ovvero Digital Skill Rate, nei diversi mestieri continua a crescere ed è una componente imprescindibile delle professioni non informatiche, sia per le attività caratteristiche dell’azienda, quelle cosiddette core, sia per quelle di supporto e management. Nell’Industria è stato registrato un DSR che va dal 20 per cento medio per le professioni di supporto e management al 17 per cento medio per le figure core, con punte più elevate nella produzione, progettazione, ricerca e sviluppo, nel marketing e nella gestione delle risorse umane. Rispetto al 2014, nel 2017 si è riscontrato un incremento del DSR del 4 per cento per le professioni dell’area di supporto e management e del 2 per cento per quelle dell’area core. Un andamento analogo si registra nei settori dei Servizi e del Commercio: nel primo comparto, il DSR medio va dal 14 per cento delle figure di supporto e management al 13 per cento delle figure core, nelle quali il DSR è cresciuto del 3 per dal 2014 al 2017., mentre nel Commercio, l’indicatore presenta valori medi del 13 per cento per le figure di supporto e management e del 12 per cento per quelle Core.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 19/11/2018

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT