Logo ImpresaCity.it

IDC: per la trasformazione digitale serve un datacenter tutto nuovo

Infrastrutture software-defined, iperconvergenza e automazione servono a traghettare il datacenter prima verso il cloud ibrido e poi al multicloud. Anche nelle imprese italiane.

Redazione Impresacity

Anche il datacenter aziendale deve evolvere verso nuovi modelli di funzionamento, se vuole diventare - come tutte le imprese si aspettano - una base solida su cui costruire nuovi processi digitali che poi daranno vita anche a nuovi modelli di business. La strada da seguire è abbastanza chiara, almeno secondo IDC e VMware che su questo tema hanno interrogato oltre duecento tra CIO e IT manager italiani in occasione delle varie tappe di un roadshow: il primo passo è il cloud ibrido, il successivo è la transizione al multicloud.

Dato l'obiettivo del percorso, le tecnologie abilitanti per conseguirlo vengono in parte di conseguenza: infrastrutture software-defined, iperconvergenza e automazione servono a conservare e valorizzare l'esistente aprendo allo stesso tempo il datacenter alle nuove opportunità offerte dal cloud e dalle tecnologie digitali. Opportunità che in primo luogo si concretizzano, nella visione delle imprese italiane, in una maggiore elasticità dell'infrastruttura IT.

"Il 50% delle aziende italiane indica proprio nell’agilità uno dei principali benefici che si possono ottenere con le soluzioni convergenti o iperconvergenti", commenta Sergio Patano, senior research & consulting manager di IDC Italia. Viene dopo la maggiore semplicità della gestione infrastrutturale, sempre più automatizzata a favore di una più elevata efficienza in termini di risorse IT e di personale.

datacenter texas
La logica è certamente quella del cloud, vista però dalle imprese italiane con un certo pragmatismo. IDC e VMware hanno rilevato che il cloud privato viene considerato come un modo soprattutto per ridurre i costi operativi e per migliorare la qualità dell'IT, mentre dal public cloud devono venire i servizi e gli strumenti essenziali per l’innovazione digitale. Da questo approccio viene l'esigenza di soluzioni ibride che possano combinare insieme al meglio il vecchio e il nuovo.

In tutto questo però le aziende italiane continuano a percepire alcune criticità da risolvere. Sono problemi vecchi per chi segue da tempo la digitalizzazione delle imprese nazionali, perché in vario modo rimandano al tema del digital divide, con aree che sentono ancora il problema della carenza di banda, indispensabile per sfruttare davvero i servizi cloud.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 12/06/2018

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito