Logo ImpresaCity.it

Wolters Kluwer propone un nuovo tool per affrontare il GDPR

Si chiama Privacy Cloud lo strumento per gestire gli adempimenti previsti dalla nuova disciplina europea

Redazione Impresacity

Realizzato da Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia, Privacy Cloud è un tool digitale studiato per le esigenze di studi di commercialisti, aziende, professionisti, studi medici, consulenti privacy e Data Protection Officer (DPO) nella gestione degli adempimenti previsti dal GDPR, che come noto diventa operativo il prossimo 25 maggio. 

Dotato di una serie di procedure guidate in grado di velocizzare e semplificare la creazione e la stampa di tutti i documenti richiesti dalla normativa, Privacy Cloud è ideale per la gestione strutturata della compliance alla Privacy, in quanto supporta i responsabili della protezione dei dati (DPO) nel compito di rispettare il principio di trasparenza (accountability), documentando le scelte di compliance alla Privacy e gestendo in maniera integrata l'analisi dei trattamenti, l'analisi dei rischi con librerie di minacce e contromisure precaricate, la gestione delle valutazioni d'impatto (Data Protection Impact Assessment - DPIA), e altro ancora. 

Non solo: il nuovo tool è stato progettato per essere multi-utente e per gestire la privacy di una o più aziende o studi, anche multi sede, ed è perfettamente integrato grazie alle librerie dei trattamenti pronte in base ad alcuni parametri tra i quali il codice ATECO di provenienza dell’azienda o dell’attività e personalizzabili. Infine, i documenti in Privacy Cloud sono facilmente personalizzabili grazie all’utilizzo di un editor integrato nella soluzione. “Privacy Cloud è un software agile, flessibile e molto semplice. Rappresenta una soluzione ideale per avvicinarsi preparati e attrezzati al giorno in cui entrerà in vigore il GDPR”, conclude Pierfrancesco Angeleri, managing director di Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia.
Pubblicato il: 11/04/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce