Logo ImpresaCity.it

Microsoft si riorganizza: cloud e AI in primo piano, Windows e PC sullo sfondo

Satya Nadella punta a creare una piattaforma trasversale tra cloud e dispositivi di ogni genere, con l'intelligenza artificiale a permeare tutti i servizi digitali

Quella che Satya Nadella ha annunciato ai dipendenti Microsoft con una semplice email promette di essere la maggiore riorganizzazione dell'azienda degli ultimi anni. Delinea infatti un futuro prossimo in cui elementi storici del computing, come Windwows e i PC, diventano in un certo senso "accessori" di un mondo nuovo, fatto di servizi cloud potenziati dalle tecnologie di intelligenza artificiale. Non a caso la riorganizzazione vede la scomparsa della divisione Windows and Devices Group, in parte assorbita dalle nuove organizzazioni Experiences & Devices e soprattutto Cloud + AI. E con questa riorganizzazione lascia Microsoft una figura importante del passato recente: Terry Myerson, che guidava il WDG.

Il futuro previsto da Nadella punta sui concetti di intelligent cloud e intelligent edge. La componente intelligent deriva dalla pervasività crescente dell'intelligenza artificiale e delle funzioni di machine learning, in uno scenario in cui mondo digitale e mondo fisico si compenetrano in maniera crescente e in cui le funzioni di elaborazione sono distribuite tra il cloud e una miriade di dispositivi molto diversi fra loro.

I computer convenzionali in questo scenario sono solo una componente e nemmeno quella oggi più critica per la crescita di Microsoft, evidentemente. La conseguenza di questo è che Windows resta un elemento molto importante (secondo Nadella ha un "futuro radioso") ma non in sé e per sé: piuttosto come parte di una esperienza di vita digitale, al lavoro come a casa o in mobilità, che parte dal cloud e va verso vari profili d'uso. Mantenere l'immagine di Windows come classico sistema operativo da computer sarebbe riduttivo e rischioso. Nella riroganizzazione, infatti, il team di Windows entra in quello di Azure per creare "un modello applicativo e una infrastruttura di computing distribuiti e unificati".

microsft surface

Con queste premesse la decisione di pensionare il Windows and Devices Group diventa quasi conseguente. Questo non vuol dire che Microsoft non continuerà a sviluppare dispositivi hardware o le sue piattaforme software classiche come Windows e Office. La nuova divisione Experiences & Devices si occuperà anche di questo, con l'obiettivo specifico di rendere omogenee le esperienze d'uso delle piattaforme Microsoft rivolte ai clienti. In questa evoluzione è probabile che Windows diventi per tutti, come Office prima, un componente di un'offerta ad abbonamento alla Microsoft 365.

Windows, Office e le altre componenti tradizionali come la parte di Enterprise Mobility restano importanti voci di fatturato per Microsoft. Ma sono anche componenti consolidate che richiedono più che altro aggiustamenti in corsa, in una fase in cui le grandi evoluzioni tecnologiche e di mercato sono altrove. Questo "altrove" è il campo di gioco della nuova divisione Cloud + AI Platform, che assorbe le attività collegate al cloud, all'edge computing, all'AI e allo sviluppo cognitivo.

microsoft ai

Cloud + AI diventa quindi una sorta di mega-divisione le cui attività sono poi suddivise in vari business group. Anche questa suddivisione evidenzia il ruolo dell'AI: oltre al gruppo di Azure, che come accennato comprende ora Windows, troviamo quattro organizzazioni focalizzate ad altrettanti aspetti dell'intelligenza artificiale. Il gruppo Business AI comprende gli sviluppi legati all'applicazione del machine learning in ambito aziendale, in particolare per la parte vedite, marketing e supporto. Il nuovo gruppo AI Perception & Mixed Reality raccoglie le attività collegate a realtà virtuale/aumentata (tra cui anche HoloLens) e al riconoscimento visivo/vocale.

Nuovo è anche il gruppo AI Cognitive Services & Platform, che ora sovrintende alle componenti di AI e machine learning più vicine al mondo dello sviluppo, come Azure ML. Trasversale ai vari gruppi dedicati all'AI resta il team tecnico di AI + Research, nato due anni fa e oggi fondamentale, secondo Nadella, per accelerare la trasformazione in prodotti delle innovazioni prodotte dalla ricerca in intelligenza artificiale.

E siccome l'adozione dell'AI può comportare problemi non tecnici ma etici e di approccio - e perché di questi tempi è bene mostrare attenzione ai temi della gestione responsabile delle informazioni raccolte sugli utenti - Microsoft ha anche dato vita a un comitato (AI and Ethics in Engineering and Research, o Aether) per aiutare l'azienda ad agire sempre responsabilmente e in osservanza delle normative come il GDPR.
Pubblicato il: 30/03/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce