Logo ImpresaCity.it

Con Apex versione Harris Hawk si potenzia il CAE aeronautico

Nuova versione per la piattaforma CAE di MSC Software, che comprende funzioni mirate per la progettazione con materiali compositi

Redazione Impresacity

Le piattaforme CAE si evolvono costantemente per adattarsi alle esigenze di progettazione degli utenti, tra cui oggi rientra in particolare la necessità di gestire strutture complesse realizzate con materiali compositi. Anche la nuova versione di MSC Apex, battezzata Harris Hawk, è stata pensata tenendo conto di questa evoluzione del mercato declinandola nel suo comparto di applicazione storico, ossia la progettazione aeronautica.

Nella sua nuova versione, Apex non punta sul calcolo a elementi finiti ma su un approccio diverso che cerca di replicare il processo di produzione dei componenti progettati. In questo modo i progettisti manipolano virtualmente le rappresentazioni di oggetti "concreti" come tessuti, strati di materiale e pannelli.

msc apex cae
Non manca ovviamente la parte di analisi strutturale, che rispetto alla versione precedente è stata estesa per comprendere più profili di carico. Altri miglioramenti sparsi per la piattaforma riguardano la progettazione delle superfici, la definizione di grandi assiemi composti da molte parti utilizzando elementi di connessione la tramatura di geometrie solide complesse.

In Apex Harris Hawk si conferma l'approccio di MSC Software che vede la piattaforma CAE anche come framework aperto e interoperabile. A questo servono in particolare un insieme di API per lo scripting in linguaggio Python e le funzioni di integrazione con le applicazioni Nastran e Patran, sempre di MSC ma focalizzate rispettivamente sull'analisi strutturale e sull'analisi a elementi finiti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 16/03/2018

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito