Logo ImpresaCity.it

F5 Networks: al MWC 2018 nuove soluzioni per il 5G

Focalizzazione sui principali casi d'uso delle nuove reti mobili, ma anche alle esigenze che mostrano già adesso

Al Mobile World Congress edizione 2018 il termine più gettonato, per ovvie ragioni, è 5G. Ma IoT viene immediatamente dopo: la Internet of Things "massiva" è uno dei casi d'uso del 5G a cui gli operatori sono più interessati ed è logico che la gran parte dei vendor abbia pensato a soluzioni in tal senso. Lo ha fatto anche F5 Networks, che a Barcellona ha tra l'altro portato alcune novità in questo campo.

La più interessante è probabilmente il lancio di un firewall specifico per le grandi implementazioni IoT. La differenza principale rispetto a una soluzione convenzionale - spiega Raffale D'Albenzio, Solution Architect Service Providers EMEA di F5 - "sta nel fatto che il firewall IoT deve scalare in numero di connessioni gestite più che in banda passante, inoltre deve essere in grado di gestire policy di sicurezza anche a livello di singolo device IoT".

Anche altre recenti novità di F5 Networks sono legati ad alcuni casi d'uso del 5G. In primis al network slicing, funzione che avrà una sempre maggiore importanza per gli operatori mobili. Qui entra in gioco il nuovo GTP Session Director, che permette di gestire in maniera più dinamica e mirata la suddivisione della banda 5G disponibile. Inoltre, anche se il network slicing è un concetto essenzialmente 5G, il Session Director permette di applicarlo in parte anche alle reti mobili attuali grazie ad alcuni nuovi elementi e tecniche definite dal 3GPP e presenti dalla soluzione F5.

digital spectrum

F5 Networks ha anche lavorato per aiutare gli operatori mobili a gestire meglio il traffico video sulle loro reti, che è in crescita già di suo e che ha avuto una ulteriore spinta dalla diffusione di piani dati "unlimited" o comunque molto generosi. F5 ha sviluppato una tecnologia di ottimizzazione del protocollo TCP che consente di ridurre la banda assegnata al traffico video senza impattare negativamente sulla qualità percepita dagli utenti.

Sullo sfondo resta lo stretto collegamento tra 5G e virtualizzazione. Le infrastrutture di rete mobile di nuova generazione sono ormai pensate come infrastrutture cloud in stile IT, motivo per cui F5 ha ulteriormente potenziato le caratteristiche delle versioni virtualizzate delle sue piattaforme BIG-IP - anche se tra le novità da segnalare c'è il lancio dell'hardware BIG-IP i15000 - che ora possono essere adottate sia nella parte centrale della rete sia in configurazioni più "edge".

Quando spostare verso la periferia della rete determinate funzioni di rete resta una scelta degli operatori. "Ci sono funzioni che ha senso decentralizzare e altre meno - spiega D'Albenzio - F5 sta comunque lavorando per dare sempre questa possibilità".
Pubblicato il: 27/02/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce