Logo ImpresaCity.it

Intel chiude bene il 2017 con un trimestre molto positivo

Risultati record per Intel nel quarto trimestre 2017, con crescite interessanti per la parte strategica data-centric

Redazione Impresacity

Intel ha chiuso bene il 2017 mettendo a segno un trimestre nettamente positivo, in cui ha registrato ricavi record per oltre 17 miliardi di dollari (+4 percento anno su anno) e un utile operativo di 5,4 (+19 percento). Il risultato netto però è negativo, con un passivo trimestrale di 700 milioni di dollari, perché come altre aziende americane anche Intel ha subito una rilevante tassazione una tantum di oltre 5 miliardi, legata a una riforma approvata lo scorso dicembre. Guardando ai risultati non-GAAP, che non tengono conto di questa uscita, l'utile netto del trimestre è di 5,2 miliardi di dollari (+34 percento anno su anno).

Considerando tutto il 2017, Intel ha fatto registrare un giro d'affari di quasi 63 miliardi di dollari (+6 percento rispetto al 2016) con un utile operativo di 18 (+39 percento). L'utile netto GAAP è di 9,6 miliardi (-7 percento) a causa delle tasse di fine anno, quello non-GAAP è di 16,8 (+27 percento).

È interessante analizzare quanto dei risultati Intel derivi dal segmento tradizionale del mercato PC e quanto invece dai prodotti, definiti data-centric, su cui l'azienda ha deciso di puntare strategicamente. La parte tradizionale fa prevedibilmente ancora la gran parte del giro d'affari della società - 9 miliardi sui 17 del trimestre - ma è altrettanto prevedibilmente in flessione (-2 percento anno su anno).

intel core x series family

Cresce invece la parte data-centric, che comprende i prodotti delle divisioni Data Center Group (DCG, 5,6 miliardi di dollari nel trimestre), Internet of Things Group (IOTG, 879 milioni), Non-Volatile Memory Solutions Group (NSG, 889 milioni) e Programmable Solutions Group (PSG, 568 milioni). La crescita di tutti questi segmenti insieme è del 21 percento anno su anno, in linea con quella del solo DCG.

Queste cifre permettono di ipotizzare le prossime linee di sviluppo per l'andamento del business Intel. È una facile previsione affermare che la parte data-centric supererà quella tradizionale già nel corso del 2018. I tassi di crescita sono così diversi che il sorpasso è quasi scontato, anche se Intel stessa ammette che la fine del 2017 ha visto una spesa del segmento enterprise e hyperscaler superiore alle previsioni, per la stagionalità del mercato ma anche per effetto del lancio dei processori Xeon di ultima generazione Skylake.

intel optane ssd 4800

È probabile che la parte datacenter di Intel torni a crescite più contenute nel corso del 2018 e soprattutto a margini più limitati. Intel ha chiuso il trimestre con margini lordi superiori al 60 percento, segno di una netta predominanza sul mercato. Non è una novità, ma nel mondo dei grandi provider e degli hyperscaler è prevedibile che quest'anno si veda per la prima volta da tempo una vera concorrenza da parte di chi propone piattaforme alternative sia x86 (quindi essenzialmente AMD) sia - più marginalmente - di tipo nettamente diverso (in specie ARM). Una concorrenza che non scalzerà gli Xeon ma che darà più dinamismo a tutto il settore.

Chi si aspettava effetti immediati del "caso" Meltdown e Spectre sul business Intel è rimasto prevedibilemnte deluso. Se ci saranno, gli impatti si vedranno nei prossimi mesi. Ma nel commentare i risultati finanziari il CEO Brian Krzanich ha annunciato, senza però dare particolari dettagli in merito, che già nel 2018 vedremo i primi processori che risolvono in hardware i problemi attuali legati alla speculative execution. Non è chiaro se si tratterà unicamente dei chip di nuova generazione Cannonlake o se saranno "patchate" anche le attuali generazioni Kaby Lake, Coffee Lake e Skylake.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 29/01/2018

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT