Logo ImpresaCity.it

TIM: lo scorporo della rete fissa si fa più concreto?

Già domani TIM potrebbe mettere sul tavolo nuove opzioni legate alla gestione della rete fissa, per tutelarne il ruolo strategico

Redazione Impresacity

Questa potrebbe essere la settimana decisiva per capire se TIM ha o meno intenzione di scorporare la propria infrastruttura di rete fissa, un'opzione sul tavolo da qualche tempo e che è tornata prepotentemente d'attualità con la scalata di Vivendi al controllo della società italiana. La rete TIM è infatti considerata una infrastruttura critica nazionale e il suo ruolo strategico non si adatta bene a un controllo francese. Per questo, come sottolinea Reuters, il Piano Industriale 2018-2020 che dovrebbe essere delineato già domani dal nuovo Amministratore Delegato Amos Genish potrebbe comprendere anche questa opzione.

Peraltro è assai improbabile che in questi giorni venga già presa una decisione definitiva sulla possibile separazione. La rete fissa di TIM è un asset di notevole valore (si stima circa 15 miliardi di euro) e Genish ha già indicato che la società non intende cederne completamente il controllo. Tra le opzioni possibili c'è anche una separazione più netta fra le attività di TIM e la rete, senza però uno scorporo totale.

Genish nei prossimi giorni potrebbe limitarsi a presentare le possibili linee di sviluppo della rete, ottenendo un mandato formale per esplorarle nel prossimo futuro. Dal punto di vista normativo TIM non ha comunque alcun obbligo a separarsi dalla sua rete, avrebbe ribadito Genish di recente nel suo primo incontro con i sindacati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 04/12/2017

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito