Logo ImpresaCity.it

Interoute Edge, come ottimizzare le prestazioni applicative in cloud

Introdotto dal provider un nuovo servizio di rete geografica software defined per ridurre i costi e migliorare le performance dei servizi cloud

Redazione

Interoute rende disponibile un nuovo  servizio di rete geografica software defined denominato Edgil associato a Cloud Fabric, la piattaforma del provider globale. Secondo quanto affermato, il vantaggio consiste "nel ridurre i costi e migliorare le performance dei servizi cloud, poiché riesce a gestire in modo intelligente le connessioni alle applicazioni".

SD-WAN Edge consente l’accesso simultaneo a reti pubbliche e private con la possibilità di instradare applicazioni in modo dinamico. In questo modo, Interoute garantisce che il traffico sia instradato sui percorsi migliori, garantendo elevata disponibilità e senza la necessità di circuiti di backup costosi e inutilizzati.
 

“SD-WAN Edge di Interoute porta ad un nuovo livello il concetto di ottimizzazione delle performance delle applicazioni nel cloud”, ha commentato Mark Lewis, Executive Vice President of Products and Development di Interoute. “Dato che le applicazioni che migrano su cloud sono sempre più numerose, gli utenti aziendali potrebbero ritrovarsi a dover compiere passaggi indiretti all’interno della rete internet globale per accedere a quelle app, generando così più latenza, e abbassando la qualità del servizio. SD-WAN Edge di Interoute, insieme alla soluzione Software Defined Cloud Fabric, garantisce che il traffico segua il percorso più rapido e diretto possibile, migliorando il throughput e, di conseguenza, anche le performance del cloud.” 

SD-WAN Edge di Interoute integrato con la piattaforma globale “Cloud Fabric” unisce 17 zone di cloud VDC (Virtual Data Centre), strutture di co-location, Points of Presence (PoP) e fornitori terzi di cloud, con una rete privata a latenza ultra bassa.

Con questa soluzione - affermano in Interoute -  il traffico può essera instradato su diverse direttrici in accordo con le performance richieste. Il traffico relativo alle applicazioni più critiche può essere instradato su rete privata, mentre il traffico meno critico, grazie anche alle funzionalità di deduplicazione e compressione che consentono di ottimizzare la banda, può essere instradato su rete internet pubblica in modo sicuro (attraverso l’uso di tunnel).


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 19/10/2017

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito