Logo ImpresaCity.it

Office 2010 guarda al Web 2.0

Office 2010 è la piattaforma applicativa di Microsoft che si espande da un puro utilizzo in ambito ufficio a una soluzione in grado di interagire con ambienti più complessi come la BI, che si plasma con il Web, e strizza l'occhio agli strumenti del social networking.

Autore: Elena Clescovich

Dopo le varie technical preview, le fasi di testing riservate, la beta ufficiale di Office 2010 (la build 14.0.4536.1000), scaricabile da chiunque, siamo arrivati al debutto di Office 2010, per ora solo per le aziende, quelle che sono iscritte al programma di licensing a volume.
Una delle novità più importanti presenti in Office 2010 è l'adeguamento del software alle nuove dinamiche dell'IT, attraverso l'avvicinamento ai concetti del Web 2.0: la suite integra infatti molte applicazioni web based di Office Web Apps, inoltre offre le versioni web based di Word, Excel, PowerPoint, OneNote ma anche SharePoint Server, Visio e Project. Office 2010 guarda, inoltre, alla crescente popolarità dei social network: il nuovo strumento Outlook Social Connector permette di condividere i file elaborati sulle principali piattaforme del social web,  a partire da MySpace e LinkedIn e a breve anche Facebook.
come accennato precedentemente il prossimo step sarà il 15 giugno quando verranno rilasciate le versioni per i professionisti e il mondo consumer (anche nel retail) e le pacchettizzazioni di Office 2010 passeranno da otto a cinque.
In quella data Microsoft renderà disponibile anche il PKC, il Product Key Card, ovvero il codice di attivazione per attivare l'immagine unica di Office 2010 che quasi tutti i produttori di hardware hanno all'interno del loro Pc. A seconda della versione che si vuole acquistare (si parte da 99 euro per la Home Student e da 199 per la Home Business per salire per le diverse tipologie di configurazione) sarà rilasciato un codice di attivazione per sbloccare il prodotto già installato sulla macchina. Passato il momento della presentazione è ora il momento di vedere da vicino le novità del nuovo Office 2010.
  
[tit:Evoluzione dell'interfaccia]
Come Office 2007, la versione 2010 si presenta con l'interfaccia a "ribbon" (la barra multifunzione), che però ora è diventata personalizzabile. In pratica, è possibile creare al suo interno nuove schede e nuovi gruppi, nominarli come si vuole e collocarli dove si preferisce, il che in Office 2007 non era previsto se non intervenendo in XML o con tool particolari. Nella finestra delle opzioni infatti sono stati integrati i comandi appositi della scheda Customize  Ribbon. Analogo alla versione 2007 è anche il formato di file, basato su Xml. Nuova anche la procedura di installazione, il nuovo tema grafico per le icone e l'inclusione della funzione Upload Center, che permette di archiviare i documenti su un account SkyDrive. Salta agli occhi però più di ogni altra la Backstage View, ovvero l'"ambiente" che appare cliccando sul pulsante Office.
Se nella suite versione 2007 il menu Office era rappresentato da una piccola finestra, la nuova Backstage appare ingrandita a tutto schermo e suddivisa in sezioni, attraverso le quali è possibile effettuare facilmente tutta una serie di operazioni sui documenti.

office-2010-1.jpg

In Office 2010 La scheda Customize Ribbon permette di creare nuovi tab o gruppi, e di aggiungerli alla tab desiderata.

office-2010-2.jpg

Nella nuova versione di Office è molto più agevole e intuitivo gestire i documenti, grazie alla nuova Backstage View.
[tit:Nuovi strumenti di lavoro]

La maggior parte dei cambiamenti riguarda modifiche al comportamento delle applicazioni base, che secondo Microsoft dovrebbe rendere più semplice e veloce il lavoro. Word, Excel e PowerPoint 2010 consentono tutte di salvare direttamente in PDF un documento, oppure di inviarlo in tale formato via email come allegato.
Alle loro funzionalità "classiche"  Microsoft ne ha aggiunto alcune speciali e decisamente comode. Tra queste lo Screenshot, che permette di catturare schermate e di tenerne in memoria più d'una (salvate in automatico in un apposito "archivio"), e di inserirle nei documenti con un clic, dopo averle visualizzate in una finestra di preview, ma anche il tool per l'eliminazione dello sfondo di un'immagine, molto utile per rimuovere loghi dai documenti, senza dover installare programmi di grafica di terze parti.
In Office 2010 è stato anche migliorato il comando di Copia/Incolla, che ora offre varie opzioni selezionabili in apposite smart tag contestuali e include una funzione di anteprima del risultato ottenibile sfiorando l'opzione con il mouse.

office-2010-3.jpg

Per catturare schermate in Office 2010 non occorre più installare software di terze parti, perché a crearle e archiviarle ci pensa il tool Screenshot

[tit:Novità in Word, Excel, PowerPoint e Outlook]
Se passiamo in rassegna le singole applicazioni, troviamo poche novità e "correzioni".  In Word 2010 è cambiata la funzione di ricerca, che ora, cliccando su Find, si apre in un riquadro, in cui si può immettere il termine da cercare.  I risultati trovati vengono presentati con un'anteprima del testo in cui sono contenuti, e delle pagine, sulle quali si può cliccare per spostarsi  su di esse. Una novità che invece riguarda il gruppo Carattere, di cui fa parte anche WordArt, è la galleria di Effetti di testo predefiniti, più personalizzabili rispetto a prima.

office-2010-4.jpg

:Nella galleria di WordArt sono stati introdotti nuovi effetti di testo, che vanno dal riflesso alla luminosità, fino alla trasformazione In Excel si trovano introdotte per la prima volta le Sparklines, prima disponibili solo come addin scaricabile a parte. Si tratta di grafici "in miniatura" che possono essere inseriti nella cella di un foglio di lavoro per indicare i trend di mercato associati ad una fonte dati contenuta in un intervallo esterno. Le Sparklines sono disponibili in tre formati, a linea, colonne o profitto/perdita, e il loro aspetto può essere personalizzato mediante gli Sparkline tools. Migliorata anche la gestione delle tabelle pivot, con il nuovo filtro di ricerca Slicer, e della formattazione condizionale, con l'aggiunta di nuove icone e barre dati

office-2010-5.jpg

Per associare una sparkline ad un intervallo di dati basta indicare la cella in cui visualizzarla e selezionare l'intervallo nell'apposita finestra In PowerPoint 2010 è da rilevare il notevole ampliamento delle funzionalità di gestione audio e video, che comprendono la possibilità di gestire sessioni di broadcast ed editing di video e immagini abbastanza avanzate, l'aggiunta al ribbon del tool Equation Editor e del nuovo pulsante Action, comodo per modificare in modo diretto opzioni riguardanti gli oggetti e le macro.

office-2010-6.jpg

In PowerPoint 2010 la finestra delle azioni da associare ad un oggetto in una slide può essere aperta dal pulsante Action C'è più da dire su Outlook, che nella versione 2010 cambia totalmente look rispetto alla versione 2007, in quanto anche questa applicazione, l'unica della suite rimasta ancora "fedele" alla vecchia interfaccia a menu e barre degli strumenti, ora si adegua al fluent style delle altre applicazioni. Sono stati aggiunti nuovi strumenti per la gestione delle e-mail e del calendario: grazie alla visualizzazione Conversation il monitoraggio dei messaggi viene facilitato, il tool Clean Up aiuta a eliminare le risposte in eccesso e Ignore cancella automaticamente le risposte alle conversazioni cui non si è interessati. Utili sono anche le cosiddette Quick Steps (operazioni rapide), che rendono possibile combinare più azioni in un solo clic, e ricordano il funzionamento delle macro.
office-2010-7.jpg

Nelle quick step di Outlook si possono riunire numerose azioni, specificare una combinazione di tasti e indicare un tooltip @tit2:La suite va in Rete@tes:Una delle più interessanti novità della suite 2010 è il rilascio di Office Web Apps, la versione "light" online di Word, Excel, PowerPoint e OneNote, che punta alla concorrenza con Google Docs e servizi similari, e per ora è a disposizione gratuitamente su Skydrive per gli utenti che possiedono un account Windows Live.  Le applicazioni web-based della suite, il cui vantaggio principale è quello di poter essere utilizzate per mezzo di un comune web browser da qualunque luogo e dispositivo connesso alla Rete, offrono le principali funzioni base presenti nella versione desktop, quindi oltre a poter leggere e condividere documenti online, consentono anche di modificarli o crearne di nuovi . Finora la creazione è possibile solo per cartelle di lavoro e presentazioni,  non ancora documenti Word o in formato OneNote, mentre è supportato il caricamento online da Pc di file in tutti questi formati. Secondo Microsoft, tutte le edizioni della suite (tranne Home and Student) consentiranno l'accesso alle nuove Web App Microsoft.

office-2010-8.jpg

Il modulo online per la creazione di presentazioni dispone di funzionalità base di PowerPoint, e permette di inserire e personalizzare oggetti SmartArt  
Ultima cosa, sebbene in questo momento sono state rilasciate solamente le versioni con il licensing aziendale, i prezzi delle versioni pacchettizzate stanno in un range che spazia tra i 139 euro, per la versione Home e Student, e i 699 euro per la versione "full", la Professional.
Pubblicato il: 14/05/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza