▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Lenovo, il primo Think Report sul rapporto tra pensiero e tecnologia

In occasione del 30° anniversario di ThinkPad, arriva un’approfondita ricerca globale per comprendere come la tecnologia aiuta a sviluppare nuovi processi di pensiero

Trasformazione Digitale

Per analizzare in modo critico come le sfide sociali attuali abbiano influenzato la produttività e i comportamenti a livello globale, Lenovo pubblica oggi il suo primo Think Report. Dallo studio emerge come la capacità di sviluppare un pensiero critico sia compromessa: in tutto il mondo gli intervistati dichiarano, infatti, una perdita di produttività di circa due ore al giorno dovuta all'incapacità di pensare in modo mirato, principalmente a causa del burnout, dello stress e dell'affaticamento mentale che hanno sperimentato a causa degli enormi cambiamenti sociali degli ultimi due anni.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Il report, che ha coinvolto nello scorso luglio oltre 5.700 persone provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Giappone, è stato presentato in concomitanza con il 30° anniversario di Lenovo ThinkPad. I risultati mirano a sensibilizzare i lavoratori sull'importanza del "real thinking" per consentire di utilizzare la tecnologia in modo più intelligente, collaborativo e meno invasivo, così da non interferire sulla loro vita personale e sul benessere.

"È stato illuminante constatare che a livello globale le persone ritengano che il progresso della società sia a rischio a causa della difficoltà di sviluppare un pensiero critico. L'80% degli intervistati è convinta che dobbiamo essere noi, come società, ad avviare una nuova rivoluzione nel modo di pensare. Nel celebrare il 30° anniversario di ThinkPad, viviamo un momento cruciale per rivalutare come la tecnologia human-centered possa favorire la capacità di pensiero critico in tutti gli aspetti della nostra vita – in casa, sul posto di lavoro, a scuola, ovunque”, commenta Emily Ketchen, VP e CMO di Intelligent Devices Group di Lenovo.



Il thinking gap

Gli intervistati ritengono che gli eventi degli ultimi anni abbiano contribuito ad aggravare le distrazioni, l'aumento del multitasking e la stanchezza, nel complesso fattori che compromettono la qualità del loro pensiero.

Alkcuni dati sono illuminanti: solo il 34% degli intervistati dichiara di dedicare "tutto" o "la maggior parte" del proprio tempo a pensare in modo chiaro, profondo e produttivo; il 75% dei decision maker IT a livello globale afferma che i loro colleghi hanno "grande" o "in qualche modo" difficoltà a pensare in modo chiaro e produttivo; e infine il 64% degli intervistati ritiene di dipendere dal pensiero pratico o di "sopravvivenza" e che la capacità di pensare rapidamente e in multitasking sia "estremamente" o "molto importante", con conseguente mancanza di pensiero innovativo e concreto che possa avere un impatto sul progresso e la crescita.

Inoltre, la maggior parte degli intervistati ritiene che la situazione non stia migliorando e prevede che la propria vita non diventerà più facile o meno stressante nei prossimi anni.

Pensiero critico

A livello globale, nonostante molti degli intervistati abbiano dichiarato di fare fatica a sviluppare un processo di pensiero critico, si registra un’associazione positiva con la possibilità di migliorare i processi di pensiero e si comprendono i benefici che provengono dalla capacità di portare a un livello superiore la propria capacità di ragionamento.

Ecco quindi che il 65% degli intervistati ritiene che pensare in modo chiaro, profondo e produttivo li aiuterà a prendere decisioni migliori, mentre il 79% degli intervistati negli Stati Uniti considera il pensiero critico "estremo" o "molto importante".


Le abitudini di pensiero

Nonostante le persone riconoscano le potenzialità nel migliorare il modo in cui pensano, gli orari in cui si sviluppa il pensiero produttivo variano notevolmente a seconda della provenienza degli intervistati e non sempre coincidono con la tradizionale giornata lavorativa: il 37% degli intervistati negli Stati Uniti e il 24% di quelli nel Regno Unito preferiscono la sera tardi o la mattina presto, mentre il 25% degli intervistati in Giappone preferisce la metà della mattina. Mentre il 35% degli intervistati in Germania riferisce di scegliere la sera.

In generale, si evince dallo studio che il primo requisito indispensabile per pensare meglio sia un ambiente tranquillo e gli intervistati hanno dichiarato che le tecnologie di cancellazione del rumore sono le più apprezzate per aiutare a riflettere in modo approfondito.

Pensiero e tecnologia

Secondo lo studio, l'evoluzione delle tecnologie di comunicazione e collaborazione sono l’elemento più utile per promuovere un modo di pensare produttivo ed efficace. Inoltre, imparare a usare la tecnologia in modo più mirato, stabilendo dei limiti, circoscrivendo le distrazioni e riducendo il disordine delle informazioni, può aiutarci ad avere abitudini di pensiero migliori.

In effetti, il 66% dei business end user intervistati è alla ricerca di informazioni su come la tecnologia possa aiutare a pensare in modo chiaro, profondo e produttivo. Sono la categoria più disposta a prendere in considerazione la possibilità di rivalutare il loro rapporto con la tecnologia. Per esempio, molti ritengono che la semplificazione dei compiti potrebbe aiutare le persone a pensare meglio.

Inoltre, il 40% degli intervistati in Germania vorrebbe imparare a usare la tecnologia in modo più mirato, mentre il 39% degli intervistati negli Stati Uniti vorrebbe porre dei limiti all'uso della tecnologia. Per esempio, dedicando un momento preciso per suonare uno strumento o fare esercizio fisico.

La stragrande maggioranza dei decisori IT intervistati si sente ottimista riguardo alla tecnologia a cui hanno accesso i loro colleghi e al modo in cui questa consente ai dipendenti e alle organizzazioni di pensare in modo chiaro. Che si tratti di tempi stretti per rispettare le scadenze, della necessità di far collaborare le persone all’interno dell’azienda o dell'opportunità di inventare, oltre il 60% degli intervistati crede che la tecnologia aiuti le persone a impegnarsi in un pensiero critico, riflessivo, collaborativo, in una modalità di riflessione che analizza e sperimenta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter