Dell Technologies World 2022: priorità alla protezione del cloud pubblico

Dell Technologies riparte in presenza, almeno negli USA, per incontrare clienti e partner: massima concentrazione sulla gestione dei dati ai fini del recovery e sulla loro protezione.

Tecnologie

Due giorni di tecnologia spinta al Dell Technologies World 2022 di Las Vegas. Dopo la clausura obbligata, anche Dell Technologies torna lentamente in presenza, riunendo il suo ecosistema di clienti e partner, almeno negli USA, per l’Europa vedremo.

La messe di annunci, come si conviene a una convention, si focalizza su specifici aspetti dello storage su cloud, dettando la linea ai propri partner IT: “siete una forza e vi siamo così grati dei successi ottenuti insieme a tutti voi” ha esordito Michael Dell. Endorsement sincero ma anche d’obbligo visto il ruolo che hanno i partner Dell Technologies in questo momento in cui nessun vendor si può permettere di sottovalutare i servizi a valore e la presenza locale.

Novità, in particolare, per l’accesso ai dati con l’accordo con la Data Cloud Company Snowflake per “connettere i dati residenti sullo storage enterprise Dell”, si legge nella comunicazione ufficiale. L’idea è, quindi, di rendere più flessibile l’accesso ai dati negli ambienti multi-cloud per ottenere facilmente gli insight, con un occhio alla sovranità dei dati e alla compliance. La soluzione Snowflake Data Cloud permette di gestire i dati residenti on-premise mantenendoli localmente o copiandoli su cloud pubblici. Il segnale per il canale? Lo manda Jeff Boudreau, presidente dell’Infrastructure Solutions Group di Dell Technologies: “Grazie a questa collaborazione, siamo in grado di ampliare l’ecosistema dei provider SaaS di Dell per ottenere insight sia on-prem sia nei cloud pubblici”.


Dell Technologies World 2022: le novità per la security

Altro topic caldo del Dell Technology World 2022 è la security, in particolare nel cloud pubblico. Si parte dai dati: secondo Gartner, la spesa complessiva globale per la sicurezza delle informazioni e la gestione del rischio raggiungerà alla fine del 2022 la soglia di 168 miliardi di dollari contro gli oltre 150 miliardi spesi nel 2021.

Va da sé che c’è tanto bisogno di proteggere i dati, in particolare su ambienti pubblici e multicloud. E Dell Technologies ci stava già pensando da gennaio, quando ha lanciato Project Alpine, l’iniziativa destinata a estendere ai cloud pubblici i livelli enterprise di capacità, performance e protezione del software Dell dedicato allo storage.

Così Dell Technologies mette mano al portfolio APEX, introducendo APEX Cyber Recovery Service. Si tratta della prima di una serie di nuove soluzioni full stack che ha l’obiettivo di semplificare il ripristino a seguito di un cyberattacco. Per le finalità di cyber recovery Dell gestisce le operazioni di vault con frequenza quotidiana e, attraverso i propri partner, si affianca al cliente nelle procedure di ripristino dei dati.

La soluzione viene fornita da Dell in modalità as-a-Service con configurazioni standardizzate, opzioni di recovery semplificato grazie all’assistenza di Dell e dei partner certificati. Va nella stessa direzione PowerProtect Cyber Recovery per Microsoft Azure, un nuovo servizio che permette di Implementare un cyber vault fisicamente isolato nel cloud pubblico e disporre di opzioni di ripristino flessibili in caso di attacco cyber, inclusa la possibilità di effettuare il recovery all’interno del data center, in una nuova rete privata Azure, oppure all’interno di un ambiente Azure pulito.


Grande intesa con Amazon (ma anche con Microsoft)

Annunciato anche CyberSense per Dell PowerProtect Cyber Recovery per AWS che rafforza il sodalizio con il cloud pubblico più utilizzato al mondo. Con questa soluzione si favorisce una analytics adattativa, si può effettuare la scansione di metadati e file completi, e implementare meccanismi di machine learning e tool di analisi forense per rilevare, diagnosticare e velocizzare il recovery dei dati.


Ancora, si potranno monitorare file e database per determinare eventuali attacchi cyber e identificare l’ultima copia conosciuta con dati intatti. Tutte le novità ruotano intorno allo storage, la punta di diamante dell’offerta Dell Technologies, sottolineandone ancora di più l’importanza strategica. D’altronde, è lì che stanno i dati. E si conferma la tendenza tecnologica, già fortemente presente, di aggiungere alla connotazione “software defined” per l’hardware storage anche l’approccio “security by design”. Uno storage, insomma, guidato dal software e protetto a un livello superiore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 08
DIDACTA 2023: Omada SDN per il settore Education - 8/10 Marzo
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter