IDC, l’infrastruttura IT è digitale e sostenibile

Entro il 2024, si prevede che il 75% delle richieste ai fornitori IT guarderà anche ai progressi nei programmi ambientali, sociali e di governance ESG

Trasformazione Digitale

Parola di IDC: l'infrastruttura digitale del futuro richiederà sempre di più ai CIO di allineare il suo utilizzo al massimo risultato aziendale, obiettivi di sostenibilità compresi. Si stima che l'IT sia responsabile dell'1,5–2% delle emissioni globali di CO2 e che l'impatto derivante dal ritiro di hardware usato sia altrettanto sostanziale. Fare progressi significativi sul fronte ambientale richiede alla direzione IT di valutare e misurare l’uso e l’efficacia delle risorse infrastrutturali e di trovare modi per ridurre il consumo e passare a risorse più "pulite", incorporando pratiche ambientali, sociali e di governance (ESG) nel ciclo di vita della tecnologia, dall'acquisizione fino alla dismissione.

Secondo una recente ricerca condotta da IDC, il 54% delle imprese ha riferito di aver già aumentato gli investimenti per iniziative tecnologiche sostenibili nel corso del 2021, inclusa la spesa destinata a fornitori infrastrutturali in grado di contribuire a tali obiettivi.

Entro il 2024, IDC prevede che il 75% delle richieste delle aziende ai fornitori IT imporrà a quest’ultimi di dimostrare i progressi nelle iniziative ESG e questo proprio perché i CIO si affideranno ai partner infrastrutturali per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità ambientale e ridurre l’impatto del carbonio sull'ambiente.

Come grandi consumatori di elettricità, i grandi operatori di data center sono spesso al centro del dibattito ambientale nel doppio ruolo di fruitori di tecnologia e di fornitori di servizi alle imprese. Molte grandi società IT hanno abbracciato questa sfida e, anche se il consumo di energia continua ad aumentare a mano a mano che le piattaforme supportano il passaggio ai modelli digital-first, stanno innovando e investendo per ridurre o eliminare del tutto l'impronta di carbonio generata dai loro data center, grazie alla capacità di sfruttare risorse rinnovabili e impiegare tecnologie avanzate (automazione e analytics in primis) per ottenere il massimo utilizzo degli asset.

Ma un'organizzazione è sostenibile solo se lo è la sua catena di approvvigionamento. La mancanza di programmi standardizzati e le diverse normative aumentano la complessità, per questo motivo le imprese richiederanno sempre di più ai loro fornitori di essere trasparenti. La direzione IT può essere molto utile nello sviluppo di un piano aziendale per valutare i fornitori, gli ecosistemi e i potenziali partner. Via via che i CIO impareranno a guidare operazioni più sostenibili, tenderanno a privilegiare ecosistemi affidabili e fornitori in grado di fornire dati completi sul consumo e sull'origine delle risorse. Fare progressi significativi richiederà quindi innovazione e spesso il cambiamento dei processi esistenti.

La sostenibilità sarà uno dei temi al centro del Forum IDC Future of Digital Infrastructure 2022, la terza edizione dell’evento di IDC dedicato al futuro delle infrastrutture IT in programma sia in presenza all’Hotel Melià di Milano sia in diretta streaming il prossimo 19 maggio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter