Profitto sostenibile o sostenibilità profittevole? Entrambi!

Le aziende che sapranno prosperare nell’economia post-pandemia saranno quelle che metteranno la sostenibilità al centro delle loro strategie, spiega in questa riflessione il numero uno di SAP Sud Europa

L'opinione
Negli ultimi 18 mesi, il mondo del business è stato così concentrato sull’emergenza da Covid-19 che ha distolto lo sguardo dall’altra parola chiave: CSR, o responsabilità sociale d'impresa. Ma le aziende che sapranno prosperare nell’economia post-pandemia saranno quelle che metteranno la sostenibilità al centro delle loro strategie

Prima della pandemia, molte aziende potevano cavarsela con un approccio vecchio stile alla CSR e a come coinvolgevano i propri dipendenti. Scrivevano bei rapporti e dicevano cose interessanti su come essere un’organizzazione socialmente responsabile. Creavano manifesti che proclamavano visioni e valori ambiziosi, ma non li vivevano ogni giorno. Ora invece alle imprese viene richiesto di dimostrare la loro rilevanza ogni giorno e in un mondo completamente diverso. Cosa intendo dire con questo? Sappiamo che il mondo del business è cambiato. Le aziende che vogliono avere successo nei prossimi 10-20 anni sanno che per creare valore a lungo termine, devono allineare i propri obiettivi con quelli della società in cui operano. Devono abituarsi all’idea di lavorare non solo per i loro azionisti, ma anche per i dipendenti e le loro comunità, oltre che per il pianeta. I giorni in cui si cercava il guadagno a breve termine a scapito del valore a lungo termine si stanno rapidamente allontanando nello specchietto retrovisore.

L’ora della responsabilità sociale

Responsabilità sociale non significa però soltanto adempiere a un dovere. Lavorare per affrontare le maggiori sfide dell’umanità, in particolare la disuguaglianza sociale, offre opportunità di business reali alle imprese con una visione chiara per il futuro. E le aziende che si distingueranno nel prossimo decennio saranno quelle che vedono nuove opportunità di crescita nella responsabilità sociale e sviluppano modelli di business, prodotti e servizi che contengono elementi sociali e pratiche responsabili.

Nel settembre 2015, i leader mondiali hanno adottato gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, o Sustainable Development Goals, SDG, che parlano direttamente alla nostra responsabilità di innovare per creare un mondo senza povertà, un pianeta più sano e una società più equa e pacifica entro il 2030. In SAP, sosteniamo questi obiettivi oltre i risultati economici. Aiutiamo i Paesi, le organizzazioni del settore pubblico e privato e i cittadini a essere conformi e rispettare le norme, a utilizzare le risorse in modo efficiente, a misurare e ridurre le emissioni e innovare verso nuovi modelli di business per prosperare nell’economia digitale e dell’esperienza.

Le nostre soluzioni aiutano a creare catene di approvvigionamento etiche e trasparenti, a promuovere l’economia circolare a basse emissioni di carbonio e con zero rifiuti, eliminare le disuguaglianze e formare le persone che non hanno mai avuto la possibilità di entrare in una classe. Quello che abbiamo imparato, tuttavia, è che contributi significativi agli SDG richiedono connessioni tangibili tra un’attività o uno strumento e l’impatto sociale, ambientale ed economico che si vuole raggiungere. Ci deve essere un collegamento materiale tra le nostre attività operative e l’impatto che possiamo avere come azienda. Altrimenti, la storia diventa arbitraria.

claudio muruzabal sap emea south presidentClaudio Muruzabal, SAP President for Southern Europe, Middle East and Africa

Accedere alle opportunità

Come si fanno questi collegamenti? Per cominciare, ci si impegna attivamente in questioni come la formazione e il miglioramento delle competenze dei propri dipendenti e dei giovani. Si trovano modi per promuovere e aumentare la diversità nella forza lavoro e garantire che ogni dipendente abbia accesso alle stesse opportunità di crescita, perché le aziende di successo riflettono meglio la diversità della società e dei clienti che servono. In SAP, per esempio, siamo impegnati in diverse iniziative per far crescere attivamente i pool di talenti locali attraverso programmi intensi di formazione per i dipendenti nelle varie fasi della loro carriera.

In Turchia, Africa francofona, Israele, Portogallo e Spagna, il nostro programma “Women in Leadership” aiuta le donne a migliorare le proprie capacità manageriali. Stiamo collaborando con la Croce Rossa in Spagna per fornire competenze tecnologiche alle donne a rischio di esclusione sociale e lavorativa. In Italia abbiamo lanciato un'iniziativa per le donne volta a creare una serie di dibattiti su diversi temi (come il gender gap, la leadership femminile, l’empowerment e l’equilibrio tra lavoro e vita privata) per sviluppare piani concreti per guidare la trasformazione all’interno dell’organizzazione. E, ultimo ma non meno importante, in Medio Oriente, le nostre reti di donne manager agiscono come catalizzatori per un cambiamento progressivo.

Essere sostenibili significa anche guidare con agilità e mentalità volte alla crescita. La continuità aziendale può dipendere dalla capacità di riqualificare e migliorare la propria forza lavoro per l’era digitale, ma oggi è più importante che mai includere nella riqualificazione anche altri elementi come empatia, flessibilità e gestione dello stress. In poche parole, più ci si concentra sulle proprie persone e responsabilità sociale, più si avrà successo.

È quasi superfluo dire che le aziende più resilienti oggi sono quelle che adottano la tecnologia per trasformare i propri processi. Se il Covid-19 ci ha mostrato qualcosa, questo è l’urgente necessità che ogni organizzazione al mondo diventi un’impresa intelligente il prima possibile. La tecnologia è il collante che tiene tutto insieme e ci consente di prendere decisioni più intelligenti che supportano un futuro sostenibile con la società al centro. Parlando al Sapphire NOW all’inizio di quest’anno, il CEO di SAP Christian Klein ha condiviso una visione ambiziosa, in cui le imprese intelligenti connesse reinventeranno il modo in cui le aziende gestiscono il loro business: “Costruiremo insieme reti che difendono la diversità, l’inclusione e i diritti umani. Renderemo disponibile il monitoraggio dell’impronta di carbonio nelle reti business in modo che si possa raggiungere un risultato prossimo allo zero. Insieme, possiamo reinventare il modo in cui le industrie funzionano collegando imprese intelligenti in una rete business a livello di settore... rendendo il profitto sostenibile e la sostenibilità profittevole”.

Rendere il profitto sostenibile e la sostenibilità profittevole, questo deve essere il nostro mantra da ripetere e sostenere mentre guardiamo a un futuro migliore per tutti.

Claudio Muruzabal è SAP President for Southern Europe, Middle East and Africa
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Speciale

Veeam On Tour 2022

Webinar

Advanced Cluster Security: come si mette davvero al sicuro il cloud

Calendario Tutto

Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter