Red Hat Enterprise Linux: nella nuova versione ancora più trasformazione multicloud e innovazione ibrida

La release 8.5 si arricchisce di nuove funzionalità per aiutare le aziende a scalare in modo più sicuro e coerente dal datacenter e dai public cloud fino all'edge e oltre

Tecnologie Cloud
Arriva Red Hat Enterprise Linux 8.5, la più recente versione della principale piattaforma Linux enterprise al mondo, che offre un sistema operativo comune e aperto che si estende attraverso i cloud, le operazioni tradizionali del datacenter e l’edge. La piattaforma permette ai team IT di sfruttare le proprie competenze preesistenti, usando al contempo nuove ed estese capacità per costruire le applicazioni e i servizi trasformativi richiesti dalla propria organizzazione, indipendentemente da dove tali workload risiedano effettivamente.  

Già disponibile, come informa una nota, Red Hat Enterprise Linux (RHEL) 8.5 parte dall’esperienza più che ventennale di Red Hat su Linux per offrire una piattaforma innovativa che comprende fornitori di public cloud, architetture hardware differenti, ambienti virtuali e modelli di edge computing. La piattaforma aggiornata estende i servizi Red Hat Insights, basandosi sulle capacità preesistenti di container management, e rende più facile per i team IT impostare sistemi specifici per i workload in un mondo multicloud, ovunque si trovino.  

Nel dettaglio, Red Hat Insights, il servizio di analisi predittiva per identificare e risolvere potenziali problemi di sistema, è disponibile di default attraverso quasi tutti gli abbonamenti Red Hat Enterprise Linux. Con il lancio di Enterprise Linux 8.5, Insights aggiunge nuove capacità relative a vulnerabilità, conformità e remediation, aiutando le organizzazioni a gestire più efficacemente gli ambienti Red Hat Enterprise Linux in ambienti multicloud e hybrid cloud, anche nel caso di scenari di sicurezza o conformità sfumati.

I container sono una componente cruciale delle moderne implementazioni DevOps, a loro volta fondamentali per l'adozione di strategie multicloud e hybrid cloud. Red Hat Enterprise Linux 8.5 consolida la leadership di Red Hat nel rendere le applicazioni containerizzate più facili da usare e gestire attraverso una più rapida creazione di immagini attraverso OverlayFS rootless; il supporto completo per Podman containerizzato in sistemi di integrazione continua/sviluppo continuo (CI/CD) così come altri ambienti operativi; l’integrazione nativa con cgroup2 per un migliore utilizzo delle risorse; e infine la verifica predefinita della image signature dei container, con testing dell'integrità delle immagini dei container all'installazione, confermando che le immagini sono state estratte dal Red Hat Container Registry senza manomissioni successive alla firma.

A livello multicloud, dato che i moderni ambienti IT coprono più cloud pubblici, ambienti virtuali, cloud privati, server on-premise e dispositivi edge, le operazioni IT diventano sempre più complesse. Per aiutare ad affrontare questa complessità ed estendere le competenze dei team di IT operations, Red Hat Enterprise Linux 8.5 aggiunge il supporto per i nuovi ruoli di sistema di Red Hat Enterprise Linux. I ruoli di sistema sono configurazioni preimpostate per i sistemi Red Hat Enterprise Linux, permettendo ai team IT di supportare più facilmente e rapidamente workload specifici dal cloud all'edge.  

Nel dettaglio, Red Hat Enterprise Linux 8.5 ora include Red Hat Enterprise Linux system role for Microsoft SQL Server, che rende più facile per gli IT e  database administrator l'installazione, la configurazione e la messa a punto automatizzata di SQL Server per le loro esigenze specifiche; Red Hat Enterprise Linux system role for virtual private networking (VPN), che aiuta a ridurre il tempo necessario per configurare i tunnel VPN, migliorando la coerenza e riducendo il rischio di configurazioni errate, che rappresentano un fattore comune negli incidenti di sicurezza IT; e infine Red Hat Enterprise Linux system role for Postfix, che automatizza e standardizza la configurazione dei server di posta Postfix, saltando i passaggi manuali e consentendo comunque la personalizzazione.

"Linux è la lingua comune parlata in quasi tutti i cloud pubblici e privati, nelle implementazioni edge e nei data center”, sottolinea Gunnar Hellekson, general manager, Red Hat Enterprise Linux di Red Hat. “Red Hat Enterprise Linux 8.5 rafforza il ruolo della piattaforma leader mondiale Enterprise Linux nell'ecosistema multicloud, fornendo nuove capacità per soddisfare la continua evoluzione e la crescente complessità delle esigenze IT, dalle innovazioni cloud-native container migliorate all'estensione delle competenze Linux con ruoli di sistema, su qualsiasi footprint ci venga richiesta dai nostri clienti."
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

E-Book

Le regole dell’ufficio ibrido

Calendario Tutto

Nov 30
WEBINAR FLOWEE - Incrementa il business dei tuoi clienti grazie ai processi collaborativi e alla gestione documentale di Flowee Pratica Digitale
Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori