Logo ImpresaCity.it

Vendite al dettaglio, Confcommercio: domanda debole e instabile

Confcommercio: "La riduzione dei consumi reali sul territorio italiano - fenomeno che non si verificava dal secondo trimestre del 2014 - costituisce il punto di partenza su cui si innestano gli effetti perniciosi del contagio".

Redazione Impresacity

"La rilevazione dà conto solo marginalmente delle turbolenze sulla domanda indotte dall'emergenza Covid-19. Si conferma, in ogni caso, la pregressa condizione di debolezza dei consumi che, secondo gli ultimi dati della Contabilità Nazionale, nell'ultimo quarto del 2019 hanno registrato una caduta congiunturale di due decimi di punto". E’ il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio sui dati Istat di oggi.
"La riduzione dei consumi reali sul territorio italiano - fenomeno che non si verificava dal secondo trimestre del 2014 - costituisce il punto di partenza su cui si innestano gli effetti perniciosi del contagio. Pertanto, una prolungata emergenza, potrebbe avere conseguenze permanenti sui livelli di servizio commerciale in molte aree del Paese".
"Il moderato recupero delle vendite di beni alimentari a gennaio  - chiude la nota - rappresenta un rimbalzo statistico rispetto alle deludenti dinamiche dei mesi precedenti. In questa situazione non muta il  quadro dei risultati per formule e formati distributivi, con i piccoli negozi ancora in grave sofferenza".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 06/03/2020

Tag:

Speciali

Webinar

Smart working e OpenShift:

Speciale

Il Made in Italy del cloud