Logo ImpresaCity.it

Capgemini: con le smart factory nell'automotive 160 miliardi di dollari di produttività in più

Entro i prossimi cinque anni, quasi la metà degli stabilimenti si trasformerà, ma le aziende devono investire anche in competenze e sistemi

Redazione Impresacity

Uno studio del Capgemini Research Institute rileva che l’adozione delle smart factory nel settore automobilistico è maggiore rispetto ad altri comparti, con un incremento stimato negli investimenti di oltre il 60% nei prossimi tre anni e un conseguente aumento della produttività superiore ai 160 miliardi di dollari

Il report, condotto intervistando aziende di undici Paesi con fatturato di oltre un miliardo di dollari e dal titolo “How automotive organizations can maximize the smart factory potential”, analizza la diffusione delle smart factory tra gli OEM e i fornitori: se da un lato sia i livelli di investimento previsti sia i guadagni in termini di produttività relativi alle smart factory sono significativi, dall’altro solo una minoranza delle aziende automobilistiche è pienamente pronta a trarre i benefici dalla loro diffusione su larga scala.

Dall’analisi di Capgemini, il 72% delle aziende automobilistiche rientra nella categoria dei “principianti”, cioè quelle che non si trovano nella posizione di cogliere le opportunità offerte dalle smart factory, mentre appena il 10% in quella dei “frontrunner”, ovvero quelle aziende che sono pronte a cogliere il pieno potenziale delle smart factory su larga scala. Per i prossimi cinque anni, il settore automotive ha in cantiere dei piani ambiziosi per convertire un ulteriore 44% delle proprie fabbriche in impianti smart, seguito dal comparto discrete manufacturing con il 42%, dal quello del process manufacturing con il 41%, dalle industrie dell’energia e dei servizi pubblici con il 40% e da quelle dei prodotti di consumo con il 37%.  

Ma il dato più rilevante è che entro il 2023 le smart factory potrebbero ottenere un aumento della produttività compreso tra i 135 miliardi di dollari (scenario medio) e i 167 miliardi di dollari (scenario ottimistico): si tratta di un miglioramento annuo del 2,8-4,4% e di un aumento complessivo della produttività del 15,1-24,1% per l’intero settore. È però anche vero che se il settore auto ha fissato rigidi obiettivi in termini di KPI per le proprie smart factory, questi sono ben lungi dall'essere raggiunti: il target legato al miglioramento della produttività del 35% è stato raggiunto solo per il 15% e c'è stato solo un miglioramento dell'11% nell’Overall Equipment Effectiveness (OEE) e nella riduzione delle scorte, nonostante gli obiettivi prefissati fossero rispettivamente del 38% e del 37%.

“Le iniziative di smart factory delle aziende automobilistiche hanno riportato progressi maggiori del previsto negli ultimi due anni e il ritmo di adozione è destinato ad aumentare. Oggi, gli OEM e i fornitori stanno investendo significativamente e possiamo aspettarci che questi investimenti daranno i loro frutti entro il 2023, portando a incrementi di produttività annuali non inferiori al 2,8-4,4%", ha dichiarato Eraldo Federici, Manufacturing, Consumer Product, Retail&Distribution Director, Capgemini Business Unit Italy. "Le aziende automobilistiche sono quindi chiamate a investire sulle competenze, sulla strategia tecnologica e sull'impegno organizzativo da implementare su larga scala, in modo da ottenere tutti i vantaggi offerti dalle smart factory. Nonostante esse siano una parte fondamentale dell'Intelligent Industry, OEM e fornitori devono anche concentrarsi sulle smart operations, tra cui la gestione intelligente degli asset, la smart supply chain e la gestione dei servizi per sbloccare completamente il potenziale delle varie tecnologie".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 07/02/2020

Speciali

Speciale

HPE: la data economy è questione di sinergie

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation