Digital Italy 2019: crescita inferiore alle previsioni e rischio ristagno fino al 2021

Al Digital Italy Summit 2019 di Roma è di scena il rapporto sull’innovazione digitale in Italia, che quest’anno ha visto anche un’applicazione sperimentale del machine learning alla ricerca

Industria 4.0 Tecnologie Trasformazione Digitale Mercato e Lavoro
È uno spaccato molto articolato, quello del Rapporto Digital Italy 2019: Per il Governo dell’Innovazione Digitale nel Paese. Presentato all’evento Digital Italy Summit in corso a Roma in questi giorni, il documento è stato illustrato da Roberto Masiero, Presidente di The Innovation Group (TIG), che ha sottolineato che “il nostro gruppo di lavoro si è impegnato a raccogliere e mettere in relazione i risultati delle ricerche condotte da economisti e centri di ricerca che operano all’interno dell’Advisory Board del Programma ‘Digital Italy’ con le analisi condotte direttamente dai nostri ricercatori, nell’intento di identificare le relazioni tra trend economici e andamento del mercato digitale e dei suoi principali segmenti e di fornire input utili allo sviluppo di politiche pubbliche più efficaci”.

Non solo: all’evento di Roma sono stati presentati anche i risultati del progetto “La Macchina Algoritmica”, contenuti nel report, che rappresenta il primo tentativo di far uscire la ricerca da una dimensione puramente interna al mondo ICT. Il progetto mira a costruire una “macchina algoritmica”, ovvero a sviluppare una soluzione informatica basata su tecniche di Machine Learning in grado di immagazzinare, analizzare, correlare e presentare i risultati relativi ai dati settoriali del mercato digitale italiano e di prevedere i trend del mercato a 3-5 anni, nonché di identificare le potenziali correlazioni tra i trend del mercato digitale e dei suoi principali segmenti in relazione al PIL e ad altri dataset, quali quelli relativi agli investimenti, ai brevetti e alla digitalizzazione delle imprese.

I risultati della ricerca condotta da TIG nel 2019 con metodologie di Machine Learning mostrano per il mercato italiano del digitale una crescita che per il 2019 e il 2020 stenta a superare l’1%. La stagnazione del PIL, in particolare, ha un forte impatto sugli investimenti in ICT delle PMI, determinando una crescita complessiva del mercato inferiore rispetto alle previsioni. Ma una crescita più corposa è possibile, è stato evidenziato, purché si verifichino alcune condizioni, quali per esempio una politica di investimenti pubblici ad alto moltiplicatore in infrastrutture digitali; il potenziamento delle politiche industriali di Industria 4.0; un’efficace adozione del procurement pubblico; e infine l’utilizzo del 5G per la trasformazione digitale delle imprese.

Inoltre, da una ricerca condotta su un campione di 202 imprese sullo stato dell’Innovazione Digitale in Italia, è stato formulato un “Digital Innovation Index” dal quale emerge che oltre la metà degli intervistati (52%) ritiene che la propria azienda si trovi in una fase “intermedia del processo trasformativo”, contro il 28,7% che ne è solo all’inizio e il 19,3% che si reputa invece in una fase avanzata.

Per giungere infine a un quadro completo sulle azioni in corso e previste sui temi cruciali dell'innovazione digitale, The Innovation Group ha anche intervistato CIO, IT Manager e Business Manager di 187 aziende italiane medio-grandi. La ricerca svolta ha permesso di evidenziare come già oggi molte aziende stiano testando i vantaggi dell’AI applicata al business, con una previsione di un raddoppio nell’adozione delle tecnologie di AI nel giro di un anno.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori