Confcommercio su vendite al dettaglio: dato peggiore delle attese

Confcommercio: "Molto male piccoli negozi, bene discount e commercio elettronico".

Mercato e Lavoro
"Il dato delle vendite di maggio ha evidenziato un andamento peggiore delle attese (-0,3% l'ICC) con una flessione dello 0,7% in termini congiunturali. Se si esclude gennaio, la prima parte del 2019 ha mostrato tutte le fragilità che caratterizzano la domanda delle famiglie, stagnante nel confronto annuo e in calo rispetto all'ultima parte del 2018". E' il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi.
"La tendenza al ridimensionamento   - continua - ha interessato, nell'ultimo mese, quasi tutte le tipologie distributive, con le consuete eccezioni dei discount e del commercio elettronico. Per le imprese più piccole il calo tendenziale si avvicina al 5% in valore, un campanello d'allarme per una parte significativa del tessuto produttivo, su cui può avere influito negativamente una condizione climatica sfavorevole agli acquisti, in particolare per l'abbigliamento estivo. A questo proposito, anche un eventuale buon andamento dell'attuale stagione dei saldi difficilmente potrà consentire il pieno recupero delle perdite pregresse".
"Ancora una volta – conclude la nota - non è di alcun conforto rilevare come il depresso andamento generale dei consumi sia connotazione comune a molte delle grandi economie europee".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori