Logo ImpresaCity.it

Equinix: il cloud va bene, ma vicino

Un'indagine di Equinix indica una forte propensione al cloud anche nelle imprese italiane, che considerano la vicinanza fisica del provider un fattore di scelta importante

Redazione Impresacity

Le aziende italiane sono sempre più interessate ai servizi cloud e la scelta del (o dei) provider è influenzata da un fattore che in passato era meno rilevante: la collocazione del datacenter da cui sono erogati i servizi. Probabilmente anche sulla spinta di normative come il GDPR, le imprese oggi giudicano come elemento positivo il fatto che le infrastrutture di un cloud provider siano geograficamente vicine.

Questa tendenza è testimoniata da una ricerca che Equinix ha condotto su un campione di oltre 1.200 professionisti IT senior della regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa). I risultati mostrano che, prevedibilmente, la netta maggioranza (71 percento) delle imprese trasferirà più funzioni aziendali nel cloud durante i prossimi anni. Meno prevedibilmente, il 60 percento dei responsabili IT dell'area EMEA menziona la prossimità ai fornitori di servizi cloud (CSP) quale fattore chiave nella scelta di un data center.

Le aziende italiane confermano questa tendenza. In Italia, il 49 percento degli intervistati ritiene che la propria azienda si sposterà verso il cloud, una percentuale più elevata rispetto alle aziende di tutta l'area EMEA (39 percento). Il 41 percento ritiene che la prossimità ai fornitori di servizi cloud sia un fattore importante nella scelta di un datacenter in Italia. Sempre il 41 percento dei professionisti IT intervistati ritiene che i fornitori di servizi cloud siano il business con cui la loro azienda ha maggiori probabilità di connettersi in futuro.

La propensione al cloud non è ancora massicciamente una propensione al multicloud. Secondo i dati raccolti da Equinix, solo il 17 percento delle aziende EMEA ha attualmente un'architettura multicloud. In confronto, il 56 percento delle aziende utilizza il cloud privato e il 42 percento il cloud pubblico.

Il freno all'evoluzione verso il cloud è, come da sempre, una generica percezione di insicurezza. Il 70 percento dei partecipanti all'indagine Equinix vede ancora rischi per la sicurezza informatica venire dall'adozione del cloud. Una percezione anche esagerata ma causata in parte dalle grandi violazioni alle infrastrutture aziendali che hanno caratterizzato il 2018 (e non solo).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 04/12/2018

Tag:

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito