Logo ImpresaCity.it

Fujitsu Forum, la co-creazione a servizio della trasformazione

Il più importante appuntamento europeo di Fujitsu ha enfatizzato l’importanza dell’approccio collaborativo per garantire innovazione al mercato

Cambiare definitivamente pelle e trasformarsi in una service-oriented company con un margine operativo consolidato pari al 10% entro il 2022. Sono gli obiettivi dichiarati da Fujitsu nel corso del suo Forum di Monaco, un appuntamento che anche quest’anno ha chiamato a raccolta oltre 10.000 professionisti. Al centro dell’evento il tema della “co-creation for success”, oltre ad ampi approfondimenti su come la tecnologia digitale sia in grado di aumentare il livello di efficacia delle imprese grazie a un approccio human-centric.

In apertura d’evento il Presidente di Fujitsu, Tatsuya Tanaka, ha tenuto a precisare come la strategia dell’azienda sia immutata e punti “a cavalcare quattro grandi opportunità offerte oggi dal mercato: la solidità del settore della system integration giapponese, la trasformazione nella natura degli investimenti IT, l’espansione di ambiti cross industry e la commercializzazione dei sistemi di comunicazione 5G”.

Quattro leve che il colosso nipponico si appresta a sfruttare per favorire la propria crescita, a valle di una sostanziale riorganizzazione articolata in tre punti. Innanzitutto, la riformulazione in Giappone della divisione vendite in modo da portare più valore ai settori dai maggiori investimenti. In secondo luogo, il rafforzamento del business attraverso il potenziamento globale degli ambiti di consulenza, la trasformazione della service delivery grazie alla metodologia Agile, l’incremento di competitività dei prodotti e l’introduzione di misure di controllo sui singoli business. Infine, la creazione di una struttura di gestione globale molto più snella, operativa già dal prossimo gennaio.

tanaka fujitsuIl Presidente di Fujitsu, Tatsuya Tanaka
Per quanto riguarda l’incremento di competitività dei prodotti in ambito cloud, puntiamo a crescere soprattutto nel multicloud, stringendo alleanze con hyperscaler come AWS, Microsoft e Oracle, mentre nel digital business vogliamo fare leva su tematiche tecnologiche come l’Intelligenza Artificiale, l’IoT e la sicurezza. Per quanto concerne il networking, infine, intendiamo sfruttare la partnership strategica con Ericsson per co-sviluppare nuovi prodotti 5G” ha chiarito Tanaka.

Obiettivo: margine operativo al 10%

Fujitsu ha deciso di portare velocemente a termine alcune riforme strutturali per aumentare il margine di profitto dell’area EMEIA. Tra queste, la chiusura entro il 2020 dello storico stabilimento di Augsburg e la riduzione delle risorse apicali in buona parte delle nazioni. “L’obiettivo è raggiungere a livello globale un margine operativo pari al 10% entro il 2022 con un giro d’affari pari a 3.150 miliardi di yen, di cui 2.150 realizzati in Giappone e i restanti 1.000 nel resto del mondo” chiarisce Tanaka. Cifre sostanzialmente stabili rispetto all’anno fiscale 2018, ma con un margine operativo molto più alto (quest’anno si è fermato al 4%).

L’approssimarsi del 2022 come data in cui realizzare gli obiettivi economici stabiliti ha obbligato Fujitsu a compiere passi concreti nell’ottimizzazione delle sue performance operative, in particolare fuori dal Giappone, dove si vogliono garantire flussi di fatturato di qualità che assicurino il giusto livello di profitto. Queste decisioni stanno avendo un impatto forte sulla regione europea, in particolare sull’area centrale: ricerca, sviluppo e produzione verranno, infatti, interamente spostate in Giappone” ha spiegato Duncan Tait, SEVP Head of EMEIA di Fujitsu, che ha voluto sottolineare come queste operazioni puntino a liberare risorse importanti da destinare alla crescita.

duncan tait fujitsu

Un ecosistema per la co-creazione

In un mercato dinamico come l'attuale nessuno può disporre di tutte le risorse e di tutti gli skill per garantire livelli di innovazione sempre più spinti. Fujitsu ne è convinta e da tempo ha ripensato il proprio ruolo, aggregando skill e risorse di più partner per la co-creazione delle soluzioni da proporre. “Il nostro approccio è quello di re-immaginare il futuro in collaborazione con i clienti. Per questo nella primavera scorsa abbiamo lanciato il programma Co-creation Fujitsu, pensato per combinare le conoscenze commerciali dei clienti con le nostre competenze” ha chiarito Tait.

Il team al suo attivo vanta attualmente oltre 30 designer provenienti da Regno Unito, Irlanda, Germania, Belgio e Francia, al lavoro con partner e clienti per sviluppare nuove architetture di digital business attraverso workshop dedicati. L'obiettivo di queste sessioni è generare idee, testare teorie e definire blueprint per eventuali Proof of Concept.

Tipicamente, i workshop di co-creazione hanno luogo in uno dei nostri Digital Transformation Center, ma possono essere anche ospitati presso i clienti o altre sedi Fujitsu. Si tratta di incontri di grande successo, tanto che dopo l’apertura di due centri in Giappone, abbiamo inaugurato nell'aprile scorso il primo centro europeo a Monaco di Baviera, seguito nel corso dell’estate da due nuovi centri, uno a Londra e uno a New York” ha raccontato Tait. Da allora, sono stati già gestiti oltre cento workshop tra Monaco e Londra.

Dalla strategia agli annunci

Al Fujitsu Forum la casa giapponese ha lanciato il nuovo framework Sholark, in grado di rendere più semplici i processi di trasformazione digitale delle aziende mettendo in connessione intelligenza artificiale, analytics e il processo decisionale di business. Il framework, capace di elaborare in tempo reale grandi volumi di dati (strutturati, semi-strutturati e non strutturati) provenienti da fonti differenti come social network, database, registrazioni voce o video e immagini, accelera significativamente il deployment di progetti AI complessi e può essere utilizzato per implementare tecniche di machine learning allo scopo di automatizzare specifici processi in maniera intelligente.

Fujitsu ha anche annunciato alcune opzioni con cui le aziende possono armonizzare i workload tra cloud e ambienti on-premise. In particolare, il nuovo Primeflex for Microsoft Azure Stack fornisce una soluzione alle aziende che intendono sfruttare il cloud pubblico, pur avendo bisogno di conservare alcune risorse IT al proprio interno per rispettare requisiti legati alla sovranità dei dati, alla conformità o alla connettività.

Sempre in chiave Azure è stata annunciata una nuova partnership globale di system integration tra Fujitsu e Microsoft. L’accordo permette alle aziende utenti di compiere un ulteriore passo avanti nei propri percorsi di trasformazione digitale, spostando i workload mission-critical presenti all'interno degli ambienti IT ibridi verso un modello integrato di delivery basato su cloud, attraverso un solo punto di riferimento. Potranno così migliorare in flessibilità e ottenere migliori performance finanziarie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 16/11/2018

Tag:

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito