Logo ImpresaCity.it

Azure DevOps, lo sviluppo di Microsoft dopo GitHub

L'integrazione di GitHub porta novità agli sviluppatori che usano i Visual Studio Team Services, traghettati verso i nuovi servizi di Azure DevOps

Redazione Impresacity

Dopo l'acquisizione di GitHub da parte di Microsoft era ampiamente previsto che alcuni strumenti online per gli sviluppatori sarebbero cambiati. GitHub è d'altronde la piattaforma più usata per la gestione collaborativa di progetti di sviluppo software, sarebbe inutile duplicarne le funzioni all'interno del nuovo mondo esteso di Microsoft. Ne fanno in un certo senso le spese i Visual Studio Team Services della casa di Redmond, che non scompaiono completamente ma vengono riorganizzati in una nuova offerta denominata Azure DevOps.

I Visual Studio Team Services, o più brevemente VSTS, in parte offrivano agli utenti dell'ambiente di sviluppo qualcosa di simile ai servizi di GitHub, ad esempio permettendo di gestire repository Git per condividere il codice, seguire i rilasci successivi delle applicazioni e tracciare in generale l'avanzamento dei progetti. Prevedibilmente, dai VSTS si potevano anche richiamare vari servizi del cloud di Azure.

Azure DevOps è un insieme di servizi che riorganizza parte dell'offerta dei VSTS e che, nelle intenzioni, copre tutto il ciclo di vita dello sviluppo applicativo. Tanto che, secondo Microsoft, Azure DevOps rappresenta in campo sviluppo l'offerta più completa che si possa trovare sul cloud pubblico.
azure devops pipelinesUna schermata di Azure PipelinesI servizi principali che fanno capo ad Azure DevOps partono da Azure Pipelines, una componente di CI/CD (Continuous Integration/Deployment) compatibile con Node.js, Python, Java, PHP, Ruby, C/C++, .NET, Android e iOS. Azure Boards è il modulo per seguire l'avanzamento dei progetti con (tra l'altro) la logica delle lavagne Kanban, mentre Azure Artifacts si occupa della gestione e della condivisione dei pacchetti software.

L'offerta di Azure DevOps comprende anche Azure Repos, una piattaforma cloud per la gestione di repository con funzioni di push/pull (alla GitHub, ma con una precisa focalizzazione sui repository privati), e Azure Test Plans, una serie di funzioni per il test automatizzato delle applicazioni durante lo sviluppo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 12/09/2018

Speciali

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito

speciali

Red Hat Open Source Day 2018, l’open source ridisegna il mondo