Logo ImpresaCity.it

Un 2018 di consolidamento per Gruppo RES. Ma partendo con un'acquisizione.

Quest'anno è all'insegna del consolidamento della forte crescita recente e delle sinergie di gruppo. Anche con le competenze digital marketing di Freedata.

Francesco Pignatelli

A una forte crescita è opportuno far seguire una fase di consolidamento ed è proprio nel segno della stabilità che il Gruppo RES intende improntare il resto del 2018, che è comunque iniziato con una nuova acquisizione e quindi con una ulteriore espansione del business. Siamo d'altronde in linea con il piano di sviluppo che RES si è data nel 2014 e che sarà portato avanti sino al 2021: combinare la crescita interna, basata su innovazione e sviluppo, con una crescita per linee esterne e quindi per acquisizioni.

È grazie a questo piano che il Gruppo RES ha concluso il 2017 raddoppiando il fatturato rispetto al 2016. Hanno certamente dato il loro contributo le acquisite PGB e G2 - ora RES PGB e RES G2 - ma conta anche lo sviluppo interno grazie allo sviluppo tecnologico di RIDS (RES Institute for Data Science, che ha in essere una partnership con l'Università di Pavia) e all'ecosistema di startup che si sta sviluppando intorno a RES Academy (qui la partnership è con l'Università di Bergamo).

startup 849805 1280

Quella che il Gruppo RES sta creando - spiega il presidente Mario Bonelli - è una rete di imprese che vede sempre più al centro il nucleo di innovazione di RIDS e della parte di ricerca e sviluppo di RES. Le tecnologie sviluppate in questo modo si trasferiscono alle società e alle startup del gruppo, che inoltre possono sviluppare sinergie tra loro. "Le società - spiega Bonelli - non si limitano a prendere dalla ricerca ma cooperano in una organizzazione a rete".

Il 2018 servirà a ottimizzare questa organizzazione e a massimizzarne i risultati. Gli obiettivi a breve termine - spiega Rino Adamo, Amministratore Delegato di RES - sono infatti consolidare i risultati raggiunti e organizzare meglio la struttura del gruppo, aumentandone le sinergie. Proprio le sinergie e le iniziative di gruppo permetteranno di sviluppare il business nel corso dell'anno, senza acquisizioni. Che rivedremo dal 2019 in poi, rivolte ad aziende specializzate che siano in grado di portare competenze verticali.

mario bonelli resMario Bonelli, Presidente di Gruppo RES
A questi requisiti risponde anche la più recente acquisizione del gruppo, ossia quella di Freedata Labs. La società nasce nel 1993 nel campo della Business Intelligence e del CRM, oggi si occupa di digital marketing e di analisi strategica in ottica "quantitativa". Un cammino naturale secondo Freedata, che vede nel digital marketing e nel social media marketing l'evoluzione odierna proprio del "vecchio" CRM. Con in più la possibilità di accedere a una grande quantità di informazioni provenienti soprattutto dai social media, informazioni che permettono di monitorare e sempre più ottimizzare le azioni e le strategie di comunicazione.

Le competenze di Freedata sono trasferibili alle altre aziende e startup del gruppo ed evidentemente sono in buona sinergia con le attività di ricerca di RIDS. In prima battuta l'integrazione di Freedata nel gruppo vedrà una ottimizzazione dei servizi già offerti, l'obiettivo successivo è arrivare al possibile sviluppo di nuovi prodotti, ad esempio nell'ambito della marketing automation.
Pubblicato il: 15/02/2018

Tag:

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce