Logo ImpresaCity.it

Generali, UnipolSai e AIG portano blockchain al settore assicurativo italiano

I ledger distribuiti di blockchain saranno usati per scambiare informazioni tra assicurazioni e broker in maniera più rapida e controllata

Redazione Impresacity

Il primo progetto italiano esteso per l'applicazione delle tecnologie blockchain in campo assicurativo è stato concretizzato da un consorzio di imprese che comprende tre società di assicurazioni (Generali, AIG e UnipolSai), due broker (Aon e Willis Towers Watson) e un partner consulenziale (Capgemini). Si tratta di un progetto che utilizzerà blockchain come base per la condivisione di informazioni legate alla gestione del rischio aziendale, attraverso una piattaforma che sarà usata dalle imprese del consorzio ma che è anche aperta ad altre realtà.

Il progetto è stato avviato lo scorso giugno ed è arrivato a una prima piattaforma per lo scambio di informazioni in circa due mesi di lavoro, per poi arrivare progressivamente all'implementazione finale annunciata in questi giorni. Il primo campo di applicazione è legato ai processi di quotazione delle polizze assicurative legate ai rischi immobiliari, ma la piattaforma blockchain sarà anche estesa ad altri processi e prodotti.

Più in dettaglio, il progetto prevede l'utilizzo di ledger condivisi per gli scambi di informazioni legati a tutte le fasi di una trattativa per la quotazione di una polizza. Nello specifico, inizialmente un broker comunica ad alcune compagnie assicurative i dati di rischio di base per una prima valutazione, in modo da ricevere eventuali espressioni di interesse. Le compagnie interessate ricevono più informazioni, le analizzano e inviano una prima proposta al broker, avviando sulla piattaforma una procedura di negoziazione di cui si tiene traccia. Raggiunta la stesura definitiva della polizza, tutte le parti coinvolte ricevono il relativo ordine digitale, anch'esso registrato nel ledger del sistema.

blockchain video

Secondo CapGemini creare una piattaforma di interscambio basata su blockchain permette di rendere più veloce e affidabile la comunicazione delle informazioni nello svolgimento della trattativa, comunicazione che di solito avviene manualmente e senza regole precise. La piattaforma impone a questo scambio un modello dati standard comune a tutte le parti e lo rende verificabile e tracciabile. In questo modo i tempi di negoziazione possono ridursi potenzialmente anche del 90 percento, secondo il consorzio.

Si tratta quindi di un passo avanti potenziale molto importante, tanto che per Andrea Falleni, Head of Capgemini per l'Italia, il progetto può essere considerato "una delle prime soluzioni per il settore assicurativo che usa la tecnologia blockchain per risolvere un problema concreto e diffuso in tutto il mercato". E anche un buon esempio di co-creazione tra aziende e partner tecnologici.
Pubblicato il: 10/01/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud