Logo ImpresaCity.it

Gestire i flussi di cassa con Excel

Impostare una corretta gestione dei flussi di cassa della propria azienda valutando di volta in volta come impiegare il denaro, e considerando le risorse disponibili presenti e future, rappresenta forse il modo migliore per tenere lontana la temuta condizione d'insolvibilità.

Autore: Elena Clescovich

Impostare una corretta gestione dei flussi di cassa della propria azienda, valutando di volta in volta come impiegare il denaro, e considerando le risorse disponibili presenti e future, rappresenta forse il modo migliore per tenere lontana la temuta condizione d'insolvibilità.
Fondamentale a tale proposito è mantenere quanto più possibile "sbilanciato" a favore delle prime l'equilibrio tra entrate e uscite (ovvero flussi di cassa attivi e passivi). Anche se può sembrare banale, confrontare gli importi dei saldi è un'operazione determinante per verificare in tempo reale lo stato di solvibilità dell'impresa: un saldo relativo alle entrate positivo deve superare quello relativo alle uscite. Non fatevi prendere dal panico, tuttavia, se notate che per brevi periodi la bilancia "pende" dall'altra parte!

[tit: Facciamoci aiutare da Excel]

Monitorare i flussi di cassa non è semplice, ma con l'aiuto del foglio elettronico di Office diventa un'attività alla portata di tutti, che non richiede particolari competenze tecniche. Per registrare movimenti e saldi è infatti sufficiente strutturare una cartella di lavoro in cinque fogli di lavoro connessi tra loro, che includano rispettivamente il piano dei conti, le entrate, le uscite, le previsioni di spesa e introiti, ed infine il libro mastro.

[tit:Costruiamo i prospetti]

Prima di tutto aprite una cartella di Excel vuota. Denominatela GestioneFlussi, e portate a cinque il numero dei fogli di lavoro presenti (per inserirli usate il comando ). Nel primo foglio (che denominerete Piano dei conti), create appunto il piano dei conti, ovvero l'elenco dei tipi di conti previsti dalla vostra impresa, che vi permetta di identificare le movimentazioni che inserirete successivamente negli altri fogli. Ad ogni conto associate un numero progressivo. Quindi, nel secondo foglio della stessa cartella (che chiamerete Entrate), passate a costruire il prospetto relativo alle entrate, o flussi di cassa attivi.
Ricordatevi di aggiungere nelle colonne della tabella i campi significativi Data valuta, Descrizione, Importo e Conto. Ricopiate il prospetto appena realizzato e incollatelo nello stesso intervallo del terzo foglio (cui assegnerete il nome Uscite). Le voci richieste per le Uscite infatti sono esattamente le stesse di quelle di cui avrete bisogno per le Entrate: Data valuta, Descrizione, Importo e Conto.

[tit:Previsioni, libro mastro e grafico]

Nel penultimo foglio troverà posto uno schema un po' diverso, dedicato alle previsioni per entrate e uscite. Separate i campi Entrate ed Uscite in due colonne distinte. Per rendere la tabella più comprensibile, suddividete i mesi in più colonne, inserendo in fondo ad ogni fine mese il Totale Entrate e Totale Uscite, più il saldo del periodo.Nell'ultimo foglio costruite il libro mastro. In esso vanno raccolti gli importi di tutte le entrate ed uscite (rispettando la

gestire-i-flussi-di-cassa-con-excel-1.jpg


In Office 2007 sono disponibili numerosi strumenti per formattare a livello professionale gli elementi grafici: vediamo quanti modelli di layout si possono applicare ai grafici di Excel
regola che abbiamo sottolineato sopra, cioè inserendoli solo quando si realizzano effettivamente, non se sono probabili o sperati).Ma il progetto non è ancora terminato. Per completarlo manca ancora un bel grafico ad istogramma che vi consenta di capire a colpo d'occhio la situazione del bilancio e verificare l'andamento degli utili di mese in mese. Per generarlo, selezionate gli importi dei saldi nel foglio Libro mastro e fate clic sulla scheda Inserisci-gruppo Grafici-Istogramma, e scegliete il tipo di grafico desiderato (per esempio Colonne raggruppate, in Colonne 2D)

[tit:Saper gestire i movimenti]

Giunti a questo punto, non vi resta che proseguire nella compilazione dei prospetti con i dati della vostra azienda. Ma, attenzione, se volete che la gestione dei flussi di cassa risulti corretta, dovete rispettare alcune regole pratiche di utilizzo. La prima, naturalmente, consiste nel mantenere
 aggiornato il contenuto in modo costante, ma più importante è applicare il

gestire-i-flussi-di-cassa-con-excel-2.jpg

Ad uno dei fogli inclusi nella cartella contenente i prospetti per la gestione dei flussi di cassa abbiamo riservato l'analisi delle previsioni di entrate ed uscite, con tanto di differenza 
cosiddetto "criterio di cassa", cioè contabilizzare le movimentazioni solo quando sono realmente oggetto di esborso o incasso. Last but not least, ricordatevi di suddividere in periodi brevi tutti i prospetti degli importi, sia che si tratti di entrate, uscite, previsioni future o del libro mastro.
Pubblicato il: 28/07/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza