Logo ImpresaCity.it

Smart Agriculture e vertical farming: la fattoria dei robot

In California fa notizia l’avvio di una coltivazione completamente robotizzata, ma è solo un esempio dei nuovi modelli di produzione permessi dalla Smart Agriculture

Circa 750 metri quadrati di coltivazioni idroponiche in serra, gestite quasi esclusivamente da robot a loro volta tutti comandati da una intelligenza centralizzata: sono le caratteristiche chiave di un progetto californiano già attivo e lanciato da Iron Ox. La società prevede di attivare varie coltivazioni di questo genere, per compensare grazie alla robotica e all’intelligenza artificiale la penuria di coltivatori e l’imprevedibilità delle coltivazioni tradizionali.

Non è certo la prima applicazione delle nuove tecnologie (IoT, sensoristica, robotica, analytics...) in agricoltura, ma è un esempio significativo di come esse permettano non solo di migliorare le coltivazioni tradizionali ma anche di abilitare modelli innovativi di coltivazione e di business.

Si tratta quasi sempre di ambienti di indoor farming, coltivazioni al chiuso concettualmente simili alle serre ma il più possibile automatizzati e in cui l'intervento umano è quasi nullo. Le piante sono monitorate costantemente per mezzo di sensori ambientali, microlaboratori inseriti nel terreno e telecamere. In questo modo si può determinare in tempo reale lo stato di salute e di sviluppo della pianta e di eventuali suoi frutti.

iron ox smart farming 1Gli ambienti di indoor farming più estremi sono sistemi quasi completamente chiusi in cui tutto è controllato e ottimizzato per favorire la migliore crescita delle piante. La composizione e la temperatura dell'aria sono regolate per questo e lo è anche l'illuminazione, che combina in maniera opportuna luce ambientale e luce artificiale prodotta da sorgenti LED.

Vari progetti di indoor farming hanno sviluppo verticale, ossia le piante coltivate sono poste su vari livelli - un po' come se fossero su scaffali - in modo da massimizzarne il numero a parità di superficie effettiva coperta. È il cosiddetto vertical farming, praticabile con piante di piccole dimensioni o che non si sviluppano molto al di fuori del terreno. Caratteristica che però ha gran parte delle coltivazioni più importanti.

Il vertical farming può avere un impatto sociale ed economico rilevante, perché permette di collocare una coltivazione praticamente ovunque. Diverse startup ad esempio hanno realizzato sistemi di vertical farming completi integrati in un container. Basta collegarne uno alla rete elettrica e a quella idrica e il gioco è fatto.

imelgo 1Il vertical/indoor farming è anche spinto come modo per portare le coltivazioni più vicine ai consumatori, anche attraverso la riconversione di interi edifici in serre automatizzate.

I sostenitori dell'indoor farming urbano lo considerano una opportunità per recuperare le aree industriali dismesse che sono presenti in molte grandi città, oltre che un modo per ridurre l'impatto ambientale della catena logistica dei prodotti agricoli. I progetti sviluppati in questo campo prevedono ad esempio la conversione di edifici interi in centri di aggregazione, con mercati "hyperlocal" che vanno davvero dal produttore al consumatore in un solo passo.
Pubblicato il: 03/10/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce