Logo ImpresaCity.it

Download Innovation IT conference and Festival, in 4.800 alla due giorni di Sorint.lab

Due giorni, oltre 4800 partecipanti, un hackathon di 24 ore, 22 laboratori, 12 aree tematiche, oltre 40 speakers e 40 sessioni tecniche… i numeri di un evento senza precedenti per Bergamo e per un system integrator come Sorint.lab

Marco Maria Lorusso

L’internet delle cose, i droni, il cloud computing, DevOps, gli eGames, lo sviluppo, le scuole, i servizi per i cittadini, i giochi… tutto insieme, tutto in due giorni di contaminazione costante che hanno unito utenti business, utenti consumer, professionisti, manager, CIO, studenti, nerd, geeks, gamers, social media manager, curiosi, famiglie… una contaminazione che è forse l’anima più profonda della tanto discussa digital transformation, una contaminazione che è stata il motore del successo di un evento come Download Innovation. La due giorni di incontri, il festival dell’innovazione che Sorint.lab, system integrator nato a Bergamo e oggi realtà multinazionale, ha voluto fortemente “regalare” alla sua città e alle persone/associazioni che in questi 33 anni di vita hanno contribuito al successo e alla crescita della società.   

Download Innovation, un evento per il territorio



chiara marilliok

«Proprio così – racconta Chiara Marilli, People Development responsabile Sorint.lab- l’idea dell’evento è nata in realtà pochi mesi fa per uscire allo scoperto, dopo 33 anni di crescita più nel silenzio e nell’intimità del proprio fare quotidiano. Il primo motivo è legato alla volontà di restituire al territorio quello che in questi anni abbiamo ricevuto dalle scuole, dalle associazioni, dal comune e da tutte quelle realtà che hanno contribuito a farci crescere. Il secondo motivo, meno raccontato, è legato al fatto che a inizio anno il nostro fondatore, Gianfranco Marilli, è scomparso e ci è sembrato un omaggio più che necessario visto che, i valori dell’innovazione e dei talenti che animano da sempre Sorint.lab, sono quelli che ha insegnato a tutti noi». 


lucapedrazziniok


«In questo evento ci sono tutti i nostri valori fondanti – racconta Luca Pedrazzini, Direttore Generale Sorint.lab– ci occupiamo di innovazione, creatività e conoscenza. Qui a Download abbiamo organizzato sessioni tecniche che rappresentano la volontà di condividere conoscenza, poi c’è la sfida e la passione di un hackathon e ancora la condivisone con il sociale e l’impegno sul territorio con le sue eccellenze e i suoi rappresentanti. Non solo, in questa due giorni, ha trovato sintesi perfetta la nostra partnership di grande valore con player internazionali come Red Hat, Oracle, AWS, IBM che si sono messe a disposizione del pubblico con sessioni tecniche e attività interattive… il tutto nel segno della voglia di sperimentare rivoluzioni come Internet delle cose, coding, sviluppo, DevOps. Siamo ovviamente soddisfatti del successo delle sessioni tematiche e tecniche che esprimono la nostra anima più vera. Abbiamo avuto sale sempre piene di curiosi, sviluppatori ed esperti che hanno discusso di come sviluppare applicazioni cloud native, di application modernization, ovvero di come modificare applicazioni e adattarle al mondo digitale, di IOT, Blockchain, Intelligenza artificiale»  

Download Innovation, i numeri 

Venendo ai numeri di DOWNLOAD INNOVATION IT Conference & Festival si parla della presenza di circa 4800 visitatori, più di 40 workshop;oltre 70 speakerstra cui come detto spiccavano gli interventi di RedHat, Oracle, Amazon Web Services, IBM, che hanno proposto lezioni di approfondimento sugli ultimi trend tecnologici, sulle nuove metodologie di sviluppo nell'era del cloud computing e sulle soluzioni utilizzate dalle più importanti Digital Company mondiali.Non solo, non sono mancate le attività dedicate ai più curiosi, agli appassionati e alle famiglie:22 i laboratoritra attività di coding, stampa 3D, “make lab”, giochi virtuali, pittura di miniature e modellini, scacchi e lingua inglese; 8 i tornei di eSport,gli sport elettronici competitivi. 12 le aree dedicatea tutti gli eventi della manifestazione (auditorium, area Hackathon, expo area, sale IT session developer, lan room per attività di gaming, aree laboratori, voliera droni, area concerti & dj set, area ristorazione e food trucks).  


img 0393


Download Innovation, un evento innovativo 

Sempre nel corso della due giorni, Mangrovia iot- la piattaforma software sviluppata da Idata-teck, la Business unit di Sorint.lab - in collaborazione con A2A smart city, ha rilevato le metriche del Festival: 1 radar conta personeposizionato all’ingresso del Lazzaretto ha infatti registrato le oltre 4786 presenze in due giornidi manifestazione; 3 sensorihanno rilevato, nelle aree dedicate alle sessioni tecniche, alcuni parametri ambientali(temperatura tra i 23 e 24 gradi, umidità tra 65% e 75% e livelli di CO2 intorno ai 500 ppm con picchi fino a 2000 nelle sessioni più affollate); infine, 3 smart bottonhanno permesso al pubblico di esprimere la preferenza agli eventi della manifestazione. «Un modo pratico – spiega Pedrazzini -per raccontare l’innovazione, ma anche per testarla e farne vedere gli usi più interessanti, live». 

Download Innovation, la voce dei partner vendor

La due giorni di Sorint.lab è stata anche una sfida per i partner vendor della società che hanno aderito al progetto. Orcale, IBM, Red Hat e AWS hanno infatti messo sul piatto applicazioni concrete, demo, laboratori e stand interattivi che hanno coinvolto il pubblico oltre le aspettative. «Siamo qui come Innovation Solution team – hanno spiegato i manager di Oracle – per raccontare con poche slide e tante demo pratiche cosa sappiamo fare con le nostre soluzioni e con l’open source. La demo che abbiamo presentato qui a Bergamo era centrata sull’Internet of things. La demo partiva da un gioco, una pista in cui alcune macchinine si muovevano e gareggiavano. Abbiamo integrato queste macchine con i nostri servizi cloud. I dati delle macchine venivano analizzati in tempo reale durante e alla fine della gara. Sempre in tempo reale identificavamo se la macchina usciva dalla pista, un allarme veniva inviato alla centrale di controllo attraverso il cloud e un drone si alzava in volo per andare a fare foto e far capire la gravità dell’incidente. Un modo divertente per mostrare come tecnologie di uso comune possono trasformare la vita di tuti i giorni». «Siamo un’azienda open da sempre – spiegano da Red Hat – e il modello Opne Soruce è l’unico che premette alle imprese di coniugare innovazione e velocità. Vedere un evento del genere qui a Bergamo fa davvero piacere e permette di portare sul territorio tematiche con le quali in tanti si stanno misurando oggi. L’Open Source è infatti la migliore piattaforma per alimentare la potenza e la flessibilità del cloud computing». Sull’innovazione e sulla nuova frontiera dalla Blockchain e dello scambio, sicuro, di informazioni critiche ha poi spinto IBM nel corso della due giorni. «Il mondo sta cambiando – racconta Anton McConville, Digital Designer & Developer di IBM - sul Web prima si postavano pagine bianche ora è tutto diventano molto più social, interattivo e i dati hanno assunto un ruolo/valore completamente nuovo e più critico rispetto al passato. Il cuore della Blockchain è proprio la capacità di creareun sistema di valore intorno ai dati. La Blockchain è una piattaforma moderna che permette di gestire il nuovo concetto di database ma anche, e soprattutto, la sicurezza di gestire dati che nessuno modificherà o corromperà. Queste occasioni sono davvero importanti per fare chiarezza su un tema così complesso, ma anche così reale e pronto a rivoluzionare la nostra vita quotidiana».  

Download Innovation, il Premio Marilli per i giovani talenti IT delle scuole 

Tornando alla cronaca della manifestazione, a catturare l’attenzione del pubblico nel corso dellaprima giornata di DOWNLOAD INNOVATION IT Conference & Festival è stata comunquela proclamazione dei vincitori del Premio GFMarilli: il concorso rivolto alle scuole del territorio sui temi dell’Information Technology, promosso da Sorint.lab e dedicato alla memoria di Gianfranco Marilli, imprenditore di successo e fondatore dell’azienda.Il premio, dedicato ai giovani innovatori, ha coinvolto 26 studenti di 9 Istituti Tecnici Superiori e Licei di Scienze Applicatedella provincia di Bergamo, Monza e Crema, che hanno partecipato con 26 progetti ITsviluppati nel corso dell’anno scolastico 2017-18.Per l’intera giornata, presso l’Auditorium della manifestazione, tutti i progetti sono stati esposti e valutati nell’ambito di una competizione che ha decretato le due migliori idee IT. Due giurie tecniche (una per categoria), composte daesperti IT della società Sorint.Lab e da un membro della famiglia Marilli,sono state chiamate ad esprimere una votazione su quattro aspetti per ogni produzione:

grado di originalità; visione e livello d’innovazione; livello delle competenze tecnologiche espresse; presentazione del progetto.
 

I giurati si sono così espressi: 

- Miglior tesina individuale classi 5°: “Moveo” di Alfio Locatelli, ITIS Marconi di Dalmine;

Moveo è un braccio robotico industriale progettato per l’industria 4.0; è basato sulla cinematica inversa e strutturato su 6 assi di movimento; il braccio è comandato dal microcontrollore “Arduino Due” (processore ARM a 32 bit).Moveo è completamente stampato in 3D (31 pezzi), biologico e a basso consumo energetico. 

- Miglior progetto di gruppo classi 3° e 4°
: “Stazione Meteo IOT” di Domenico Gaeni e Aron Tognoli, I.T.I.S. P. Paleocapa.

La Stazione Meteo IOT è dotata di sensori di umidità, temperatura e pressione; invia i dati raccolti ad un sito web che li analizza e li trasforma in grafici; l’utente infine può consultarli in tempo reale  


Download Innovation, un Hacakthon da record 



img 0427


Come in gran parte anticipato però, momento clou dell’evento è stata la conclusione della24 ore no stop di Hackathon(Hacker + Marathon), che ha visto la partecipazione di 8 teams, per un totale di 34 hackers(sviluppatori, creativi, data scientist) provenienti da Bergamo, Milano, Lecco, Zurigo e Lugano, seguiti per l’occasione dal tutor Tamas Piros (Developer Evangelist di EMEA Cloudinary) e così composti: - Empanadas: Gioele Coppolino, Beatrice Bramati, Matteo Rossi, Ignazio Panades- HTTP 451: Paolo Massenzana, Manuel Minut, Lucas Galli, Marco Carrara, Oltion Abazi- Freedom Surf Club: Francesco Bognini, Diego Intra, Vladislav Malashevskyy, Francesco Pastore, Singh Gopal- Le Paste Termiche: Matteo Soldini, Cristian Livella, Davide Ghisleni, Gabriele Previtali, Simone Spreafico- Le sbarre: Fabbio Cavaleri, Aaron Tognoli, Domenico Gaeni, Luca Maccarini- Pota Team: Valerio Bonacina, Michele Pugno, Emanuele Sacco, Edoardo De Cal, Cesare De Cal- Undefined: Lorenzo Bianchi, Giovanni Fumagalli, Mauro Bianchi, Shima Fahima- Fix.it: Sinéad Ward, Vincent Kauffmann (ritirati dalla competizione) Il tema della challenge era molto chiaro: sviluppare un software che semplifichi la procedura di gestione delle segnalazioni indirizzate dai cittadini al Comune di Bergamo. Il tutto proprio nel segno della volontà di raccontare concretamente come la tecnologia può trasformare il territorio e le città.È stato infatti chiesto di sviluppare una soluzione innovativa ed efficace che consentisse ai cittadini di accedere con facilità alla piattaforma di registrazione ed invio delle segnalazioni e all’amministrazione comunale di gestirle rapidamente, semplificandone i tempi e le procedure di lettura, gestione, mappatura, smistamento ed evasione. Una giuria tecnica è stata chiamata ad esprimere una votazione su 6 caratteristiche principali per ogni applicazione: l’eliminazione dei duplicatiper ridurre la quantità di segnalazioni simili; l’indirizzamentocorretto all’ufficio competente; il feedback smart al cittadino; la sicurezzaper proteggere il sistema da abusi e attacchi informatici; la reperibilità delle informazioniper renderne la consultazione facile, completa e flessibile; la visualizzazione e la “gamification”per migliorare l’efficienza di gestione delle pratiche tra gli uffici comunali. 

I giurati –Donatella Nicolai (Responsabile ICT del Comune di Bergamo), Andrea Maffeis (Responsabile del Servizio Sistema Informativo Territoriale e Statistica del Comune di Bergamo), Marco Deligios (Globo founder), Luca Fasanotti(Innovation Manager Intellimech), Marco Bolis (Java Senior Developer Sorint.lab), Alessandro Dolci (Specialist Support Unix & Middleware Sorint.lab), Tamas Piros (Developer Evangelist di EMEA Cloudinary) – si sono così espressi: 1° Classificato: il team Undefined (Lorenzo Bianchi, Giovanni Fumagalli, Mauro Bianchi, Shima Fahima) con il progetto City Alert. Motivazione: Il team ha dimostrato di lavorare in modo professionale realizzando uno studio architetturale dell’applicazione ben concepito e un’esperienza dell’utente lineare e semplice.La soluzione tecnologica è basata su soli software Open Source, un merito che premia lo spirito della condivisione del sapere. Il gruppo di lavoro ha inoltre dimostrato una particolare attenzione all’integrazione dell’applicazione con i sistemi comunali già esistenti o che verranno sviluppati in futuro. Il team vincitore si è aggiudicato un premio in denaro di 5.000 euro offerto da Confindustria Bergamo e Digital Innovation Hub.
Pubblicato il: 19/09/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce