Logo ImpresaCity.it

La gestione del multicloud richiede automazione

L'utilizzo sempre maggiore di ambienti cloud eterogenei pone l'accento su funzioni di cloud management evolute, che vadano oltre la gestione in senso stretto

Autore: Redazione Impresacity

La conseguenza concettualmente più rilevante che sta portando l'evoluzione nell'offerta di servizi cloud non sta tanto nella crescita in sé della loro adozione quanto nella diffusione del modello multicloud. Non in tutte le imprese, ovviamente, ma perlomeno in quelle che hanno abbracciato per prime il modello della "nuvola" si è maturata la convinzione che al cloud ci si possa (e debba) avvicinare un po' come a qualsiasi mercato IT. Certi servizi conviene acquistarli dal provder A, altri dal provider B e via dicendo.

I motivi sono essenzialmente due. Il principale è che i cloud provider hanno iniziato a diversificarsi in maniera sensibile per offerta e prezzi, il che spinge le imprese più attente a differenziare le loro strategie di acquisto. Il secondo, meno evidente ma comunque importante, è che le imprese vogliono evitare di legarsi troppo strettamente a un unico cloud provider. I grandi nomi danno sicurezza, è vero, ma come sempre nell'IT è meglio mantenere le mani libere.

In tutto questo lo svantaggio evidente è che la gestione degli ambienti cloud si fa più complessa e articolata, dato che gli elementi da gestire e possibilmente ottimizzare sono sempre di più. Il rischio è quello di non riuscire nemmeno ad avere una completa visibilità sulle risorse cloud che vengono utilizzate in un determinato momento. Se l'obiettivo è, come spesso si indica, attivare e disattivare dinamicamente servizi e risorse cloud in funzione delle esigenze di ogni singolo istante, è anche prevedibile che un modello tradizionale dell'IT management entri in crisi.

cloud computing businessman 100358726 tall

Il problema, spiegano molti osservatori tecnici, è che anche gli strumenti di gestione offerti dai cloud provider stessi mostrano la corda quando si passa al multicloud. La maggior parte sono nati per vedere solo in "casa propria" e lasciano all'utente il compito e il peso dell'integrazione con altre piattaforme di gestione. E questa diventa davvero complessa se le piattaforme di base usate dai provider sono troppo diverse fra loro.

Lo sviluppo del mercato genericamente cloud-style sembra dare una mano in questo senso, almeno per i grandi utenti. L'adozione del cloud ibrido da un lato e, dall'altro, il consolidamento tecnologico intorno ad alcune piattaforme di base (OpenStack, Docker, Kubernetes...) sta rendendo più omogenea l'IT on-premise con quella del cloud, favorendo una maggiore integrazione. Qui ognuno ha la sua visione, chiaramente sono avvantaggiati i vendor che stanno puntando verso modelli pesantemente software-defined.

cloud

Integrazione a parte, la partita si gioca sulle funzioni non solo di gestione ma anche di automazione. Ciò a cui mirano i principali vendor è arrivare a un ambiente in cui le operazioni di (multi)cloud management e provisioning delle risorse siano quasi completamente automatizzate. Una gestione "manuale" è impossibile all'atto pratico, anche per un singolo ambiente cloud. Lo staff IT può giusto definire procedure, workflow, soglie e condizioni in base a cui il sistema si auto-gestisce. Con anche, a vari livelli, funzioni di analytics e machine learning che automatizzino ulteriormente tutta la gestione.

Con l'evolversi dello scenario multicloud avranno poi sempre più importanza le funzioni di brokering automatizzato dei servizi cloud. Alcuni servizi e risorse possono essere acquisiti da cloud provider diversi e deve essere l'ambiente di gestione, in base ovviamente a policy specifiche, a decidere dove indirizzare una generica richiesta di attivazione. E restano sullo sfondo, trasveralmente a qualsiasi considerazione sul cloud management, i temi della compliance sui quali c'è sempre maggiore attenzione.
Pubblicato il: 08/01/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud