Logo ImpresaCity.it

La multiutility Veritas potenzia lo storage NetApp

Il progetto è stato realizzato con in contributo consulenziale di Personal Data, azienda del gruppo Project e partner di NetApp

Autore: Redazione

La multiutility veneziana Veritas (Veneziana Energia Risorse Idriche Territorio Ambiente Servizi) rinnova la propria infrastruttura IT investendo nelle risorse di storage di NetApp. Il progetto è stato realizzato con in contributo consulenziale di Personal Data, azienda del gruppo Project e partner di NetApp.

Veritas disponeva già di una soluzione storage NetApp FAS 3220 presente nel data center di Venezia e di un modello FAS2554 presso il sito secondario per il disaster recovery creato a Milano. L’azienda - spiegano in NetApp, si è trovata di fronte alla necessità di migliorare i livelli di efficienza, in particolare sul fronte della gestione di un’enorme mole di dati sui quali effettuare query e consultazioni molto veloci e praticamente giornaliere. "Era necessario effettuare un aggiornamento per passare a soluzioni più moderne e performanti, come quelle all flash, e anche il sistema FAS2554 presente presso il sito di disaster recovery andava potenziato per mantenere un elevato livello di sicurezza dei dati". 

centro-direzionale-mestre.jpg
Nel sito primario di Venezia è stato adottato un sistema all flash NetApp AFF8040 con circa 10 TB utili di disco e 24 dischi SSD da 800 gigabyte, sul quale sono stati “spostati” i server più critici - in pratica quelli di produzione - che hanno bisogno di elevate prestazioni per migliorare la velocità di accesso ai dati che avviene frequentemente. Nel contempo è stato aggiunto un FAS2554 nel sito di disaster recovery con 24 dischi SATA da 3 terabyte  e i sistemi FAS3220 sono stati ampliati in termini di capacità. 

Introducendo la soluzione all flash NetApp AFF8040 Veritas ha ottenuto una riduzione drastica dei tempi di elaborazione e calcolo legati ad alcuni servizi che, in termini di lettura e scrittura, richiedevano un elevato livello di prestazioni, velocizzando di conseguenza la produzione e ottimizzando il business.  Sul fronte del sito di disaster recovery l’azienda veneta ha potenziato il sistema esistente, introducendo anche una seconda soluzione NetApp FAS2554 cluster mode con 24 dischi SATA da 3 terabyte per poter replicare tutti i dati provenienti dal “mondo” di produzione della sede di Venezia sul secondo sito di Milano.
Pubblicato il: 23/01/2017

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Stampanti e gestione documentale

speciali

Quale futuro per le applicazioni d’impresa?