Logo ImpresaCity.it

I dati si perdono anche sulle macchine virtuali

Uno studio sponsorizzato da Kroll Ontrack evidenzia come il 40% delle aziende ogni anno debba affrontare problemi di data loss in ambienti virtuali.

Autore: Redazione Impresa City

Sarebbe naturale credere che sia più difficile perdere dati quando si lavora con una macchina virtuale. Invece, uno studio di Kroll Ontrack arriva a dimostrare il contrario. Il 40% delle aziende che fanno ricorso allo storage in ambiente virtuale sono comunque incorse in questo genere di problemi.
Solo il 33% delle imprese è riuscito a recuperare il 100% dei dati originariamente perduti e si tratta di una tendenza negativa rispetto a quanto misurato negli anni precedenti. Il 43% delle realtà esaminate ha tentato una ricostruzione “in proprio” delle informazioni perdute, mentre solo un quarto ha fatto ricorso a uno specialista del recupero dati, quale, appunto, Kroll Ontrack.
In sostanza, anche se l’utilizzo di un’infrastruttura di tipo VmWare ha accresciuto la maturità sul fronte della sicurezza e apparentemente si registrano meno incidenti, il rischio di perdita permanente di dati rimane significativo. Pro domo sua, il vendor sottolinea come la ricostruzione dei dati sia un metodo costoso in termini di tempo e risorse, mentre gli specialisti sperimentati possiedono i processi, le tecnologie e l’esperienza necessari per il recupero di dati anche in ambienti virtuali complessi. 
Pubblicato il: 01/10/2013

Tag: Cloud

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione