Logo ImpresaCity.it

Il PLM end-to-end di PTC

PTC occupa una posizione di rispetto nel settore del Product Lifecycle Management con una focalizzazione su prodotti e soluzioni software che ottimizzano il processo di sviluppo.

Autore: Cecilia Lombardi

Oggi il tema del PLM, o meglio della gestione del ciclo di vita del prodotto, è entrato nell'agenda dei manager, e affiancato alla componente ERP, è un elemento portante per avere un maggior vantaggio competitivo.
Nel panorama delle aziende che operano in questo mercato trova posto PTC, con una focalizzazione prodotti e soluzioni software che ottimizzano il processo di sviluppo.
Con un fatturato 2007 pari a 942 milioni di fatturato, in crescita del 11%, la società, che è quotata al Nasdaq, si pone sul mercato con una posizione solida, con una liquidità di 215 milioni di dollari.
Opera in tre regioni principali, quali Stati Uniti, Asia Pacific, ed Europa, con buone performance per tutte nel 2007, con l'Europa che si è distinta segnando un anno record in crescita del 23%, dopo un 2006 di tutto rispetto.
Dopo un ciclo di rivisitazione avviato tre anni incentrato sulle due direttrici di crescita in modo organico e per acquisizioni, e far sì che la crescita del fatturato totale generasse valore per gli azionisti PTC oggi si presenta con un vantaggio competitivo. Ha alle spalle un forte consolidamento tecnologico che l'ha portata a coniugare le tecnologie software che offre al mercato per abbracciare il processo di sviluppo in modalità completa, come si suol dire end-to-end. Quella offerta da PTC, infatti, è una soluzione che poggia su un'unica architettura e un unico modello di dati, che copre l'intero ciclo di vita del prodotto.
PDS, la configurazione delle soluzioni PTC progettata per automatizzare l'intera value chain, offre alle aziende cinque funzionalità fondamentali: creare informazioni dettagliate e immediate del prodotto digitale; collaborare alla gestione delle criticità, favorendo la sinergia fra il team del progetto, i clienti, i fornitori e i partner; controllare i dati relativi al prodotto digitale durante il suo intero ciclo di vita; comunicare tutte le informazioni, attraverso la gestione dei contenuti dei prodotti e ogni tipo di documentazione correlata durante l'intero ciclo di vita del prodotto e configurare i contenuti in base a prodotti e servizi. Una serie di acquisizioni mirate inoltre ha arricchito il portafolio prodotti societario, con soluzioni non sovrapponibili con l'esistente, ma in un'ottica di completamento della soluzione.
"È un mercato quello dello sviluppo prodotti sempre più globalizzato, ha dichiarato , country manager PTC Italy & Spain, in cui è aumentata la complessità intrinseca dei prodotti e inoltre gli stessi processi produttivi stanno diventando sempre più complessi. Nell'ambito dello sviluppo applicativo è importante arrivare a una sorta di omogeneità, creare una sinergia tra la miriade di applicazioni esistenti per abbassare i costi e creare efficienza".

[tit:Tecnologia e servizi]
Prima la tecnica di sviluppo si focalizzava su prodotti e funzionalità oggi si orienta su sistemi e processi. Per questo PTC ha definito 24 macro-processi suddivisi per mercato e ha definito livello di maturazione, per guidare sviluppo dei prodotti e ingegnerizzazione, per determinare necessità e livello implementativi.
La società ha cercato di creare ordine mettendo al centro PDS, la piattaforma basata su un'architettura unica, con un unico database, web-based e interoperabile. Accanto a un ambito puramente tecnologico PTC è stata capace di affiancare un discorso di valorizzazione delle competenze. Ha creato infatti una struttura servizi che si pone l'obiettivo di allineare gli obiettivi industriali e quelli operativi considerando la tecnologia come strumento abilitatore del cambiamento in azienda. Per far ciò l'azienda ha messo a punto una nuova metodologia, un frame tecnologico secondo il quale il prodotto è disegnato per i processi, seguendo quattro flussi di attività principali (processo, tecnologia, training, gestione del valore), con un approccio modulare ripetibile, per ottenere economie di scala interessanti.
Gli obiettivi per il 2008 puntano al raggiungimento del miliardo di dollari di fatturato, con un margine operativo al di sopra 20%.
Il piano industriale al 2010 prevede di procedere senza modificare strategia messa a punto con l'obiettivo di raggiungere il 1,5 miliardo di dollari, con un incremento anno su anno nell'intorno del 15% anno su anno.
Secondo la società un contributo importante per raggiungere tali obiettivi deve arrivare dal canale distributivo, che oggi segue circa l'80% dei clienti. L'obiettivo è quello di costruire un canale in grado di supportare al meglio tutte le tecnologie aziendali. "I partner sono un veicolo effettivo e propongono tutti i prodotti, hanno sottolineato i vertici aziendali. "Atraverso il canale riusciamo a vendere e supportare tecnologie evolute e complesse anche alle per le PMI, aziende il cui fatturato si colloca al di sotto della soglia dei 100 milioni di dollari".

[tit:Le ultime novità]
CoCreate 2008 è la prima release della famiglia di prodotti CoCreate con il marchio PTC. La tecnologia di modellazione esplicita di CoCreate, che consente ai team di sviluppo prodotto di creare e modificare i progetti in 3D, accelerando i cicli di progettazione.
Il prodotto principale, CoCreate Modeling 2008, introduce nuove funzionalità sviluppate in collaborazione con diverse aziende di macchinari ed elettronica high-tech: Surface Editor, offre nuove procedure avanzate ed efficienti per valutare diverse superfici alternative, indipendentemente dal fatto che siano state generate con CoCreate Modeling o importate da altri sistemi CAD; Wire Editor, integrato in Surface Editor, il nuovo Wire Editor è uno strumento che offre diverse opzioni per dividere, unire e modificare le curve 3D, rilevando e mantenendo automaticamente tangenza, coincidenza e continuità di curvatura durante le modifiche; pattern avanzati con geometria condivisa; progettazione avanzata di lamiere finalizzata alla produzione; raccordi intelligenti; progettazione in sezione e radiale; comunicazione più chiara e più rapida con i disegni.
CoCreate Model Manager è invece una soluzione preconfezionata "out-of-the-box" per la gestione integrata di dati CAD, subito pronta per essere utilizzata da gruppi di lavoro di piccole e medie dimensioni, ma può anche essere adattata facilmente a esigenze specifiche.
Pubblicato il: 19/05/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione