Logo ImpresaCity.it

Imprese, con la giustizia alternativa risolte mezzo miliardo di liti all'anno

Secondo rilevazioni della Camera di Commercio di Milano, bastano 160 giorni per l'arbitrato e 65 per la mediazione amministrata. Cresce il numero di chi vuole rinunciare ai tribunali, ora il tentativo di giustizia alternativa è obbligatorio.

Autore: Redazione ImpresaCity

In questi ultimi anni sono circa 100 mila all'anno le domande di conciliazioni e arbitrati, tra cui gli arbitrati internazionali. Con  un valore di circa 200 mila euro all'anno per gli arbitrati (altrettanti presso le Camere di commercio) e circa 30 mila per la mediazione amministrata.
Ad affermarlo è la Camera di Commercio di Milano, che ha ospitato un convegno in occasione dei 25 anni dell'Istituto per lo Studio e la Diffusione dell'Arbitrato e del Diritto Commerciale Internazionale (Isdaci).
L'istituto nasceva il 28 novembre 1986, e, per l'Italia iniziava un processo di innovazione culturale ed organizzativa che vedeva diffondersi la giustizia alternativa, fino ad allora quasi inesistente, già diffusa in Europa e a livello internazionale.
Un percorso in rapida crescita grazie ai vantaggi di costi limitati e alla  giustizia veloce con procedure di circa 160 giorni per l'arbitrato e 65 per la mediazione amministrata.
Dal 2010 il tentativo di conciliazione obbligatoria prima di arrivare ai tribunali è diventato obbligatorio in molte materie: liti condominiali, affitto, sanità, contratti bancari, finanziari ed assicurativi.
In media ogni impresa milanese fa tre litigi importanti ogni anno con conseguenze costose. Le imprese, nella loro totalità, litigano quasi un milione di volte all'anno (da un'elaborazione della Camera di commercio di Milano su un'indagine sulle imprese milanesi).
Litigare comporta affari bloccati e spese sostenute: si parla di circa un miliardo e duecentocinquanta milioni di euro all'anno.
E con la crisi una impresa su quattro cerca di essere più accomodante per ridurre questi costi.
Pubblicato il: 09/11/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione