Logo ImpresaCity.it

Riverbed Whitewater, più possibilità per il cloud storage

La famiglia di prodotti Whitewater è concepita per garantire flessibilità e operabilità con numerosi provider di cloud storage come Nirvanix, EMC NetWorker, CA ARCserve e i tool di backup Quest vRanger.

Autore: Redazione ImpresaCity

Riverbed Technology ha annunciato l'espansione del proprio ecosistema per la gamma di acceleratori di cloud storage Whitewater.
Operando con i maggiori provider di cloud storage e backup, Riverbed supporta i propri clienti a velocizzare le attività di backup e selezionare i carichi di lavoro di archiviazione negli ambienti cloud pubblici.
Whitewater supporta un vasto e crescente gruppo di fornitori di cloud storage e backup. Nirvanix, fornitore di servizi di cloud storage di classe enterprise, si aggiunge alla già ampia gamma di soluzioni supportate da Whitewater.
Inoltre, con l'aggiunta di EMC NetWorker, Quest vRanger e CA ARCserve Backup, Whitewater supporta oggi ancora più tool di backup. Le aziende che utilizzano Whitewater possono disporre di una soluzione che permette di passare dai dati offsite ad ambienti di cloud storage in maniera trasparente.
Whitewater si connette direttamente agli strumenti esistenti di backup e alle API, le interfacce di programmazione delle applicazioni. Accelera le operazioni di backup e recovery, deduplica e comprime i dati per ridurre i costi di storage nel cloud e si installa velocemente senza richiedere modifiche nella infrastruttura di backup esistente. Il vasto ecosistema con cui collabora Whitewater permette alle aziende un passaggio flessibile tra i principali fornitori di cloud storage, in caso di mutamenti delle esigenze.
Whitewater permette alle aziende di scegliere la soluzione più adatta per le loro esigenze di disaster recovery, di ubicazione dello storage, di service level agreement e di costi. Nirvanix aggiunge i propri servizi di cloud storage a una vasta gamma di soluzioni che supportano Whitewater, tra le quali EMC Atmos e Amazon S3.
Con Nirvanix Storage Delivery Network (SDN), i clienti che utilizzano Whitewater possono connettersi a Nirvanix SDN e accedere al loro cloud storage locale in Germania, Irlanda, Giappone, Svizzera e Stati Uniti. SDN, la soluzione di cloud storage pubblico di classe enterprise, permette a un costo fisso mensile upload e download illimitati di file anche di dimensioni notevoli. L'offerta comprende un cluster di 7 data center di livello carrier, che formano una vasta rete di nodi interconnessi che intercomunicano sempre tra di loro. I clienti possono utilizzare le policy basate su replica geografica di Nirvanix per specificare esattamente il luogo in cui i dati devono essere archiviati o replicati, posizionando i dati il più vicino possibile all'utente per garantire prestazioni ottimali e creare copie multiple per una disponibilità maggiore. Grazie alla combinazione di Nirvanix SDN e Whitewater, le destinazioni di backup possono essere ridimensionate su richiesta, ottimizzandone le capacità, e velocizzate, con una modalità di pagamento pay-per-use, che riduce in modo significativo i costi ed elimina la necessità di costosi componenti hardware per il disaster recovery.    
Whitewater, inoltre, supporta ora i principali strumenti di backup, tra i quali Ibm Tivoli Storage Manager, Symantec NetBackup e Backup Exec e, da oggi, anche EMC NetWorker, Quest vRanger e CA ARCserve Backup.
Whitewater opera come una destinazione per il software di backup esistente e non richiede alcuna integrazione costosa o configurazione complessa.
Le aziende hanno la flessibilità di utilizzare molteplici tool di backup o di passare da uno strumento all'altro in qualsiasi momento in futuro per proteggere e accelerare il disaster recovery nel cloud.
Pubblicato il: 13/04/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione