Alcatel-Lucent e Arbor Networks, uniti contro gli attacchi DdoS

Alcatel-Lucent e Arbor Networks, uniti contro gli attacchi DdoS

Alcatel-Lucent e Arbor Networks hanno stretto un'alleanza al fine di contrastare la crescente minaccia degli attacchi del tipo Distributed Denial of Service.

di: Redazione ImpresaCity del 26/01/2012 10:30

 
Alcatel-Lucent e Arbor Networks annunciano di aver unito le loro forze per contrastare la crescente minaccia degli attacchi del tipo Distributed Denial of Service (DdoS).
Attacchi di questo genere possono compromettere le reti di comunicazione il cui funzionamento è essenziale per una sempre più vasta gamma di servizi cloud e per reti aziendali che trasportano grandi quantitativi di dati critici su internet.
Secondo stime della stessa Arbor Networks, il 5% dei principali data center di tutto il mondo sperimenta più di 500 attacchi ogni mese. Attraverso questa collaborazione, le due aziende offrono ora una soluzione congiunta comprensiva di un'avanzata protezione DdoS e funzioni di sicurezza concepite per fronteggiare questa minaccia sempre più estesa.  
Una recente indagine di Alcatel-Lucent promossa su scala mondiale presso 3.386 decision maker nel campo dei sistemi IT ha indicato come proprio prestazioni e sicurezza siano le aree in cui i servizi cloud richiedono i maggiori miglioramenti.
Una nuova classe di cloud gestiti dai carrier affronta questo problema unendo la potenza elaborativa e la flessibilità dei cloud con la sicurezza, l'affidabilità e la garanzia prestazionale delle reti di comunicazione.  
Questi "Carrier Cloud" offrono una soluzione ideale per individuare ed eliminare rapidamente gli attacchi DdoS. Oggi, quando viene portato un attacco informatico, il traffico "infetto" viene tipicamente trasportato ad un nodo centralizzato per l'opportuno trattamento. In realtà, poiché gli attacchi più lunghi e consistenti sulle reti possono consumare 100 gigabit al secondo, il trasporto del traffico infetto verso una postazione centralizzata può essere non solo costoso ma anche tale da mettere a repentaglio la rete.
Con l'integrazione del Threat Management System (Tms) di Arbor nei router IP di Alcatel-Lucent, gli attacchi – quale sia il punto della rete  in cui si verificano – possono essere individuati e trattati direttamente sulla periferia della rete, vicino quindi al punto stesso dell'attacco, con conseguenti vantaggi diretti in termini di economicità ed efficacia.  
Oltre a rendere reti e servizi degli operatori più robusti, questa nuova soluzione permette loro di offrire dei servizi a base cloud per individuare e affievolire gli effetti degli attacchi DdoS sulle reti dei loro clienti aziendali. Questa rappresenta anche una nuova opportunità di business per gli operatori, che possono così offrire un servizio alle molte aziende che non hanno al proprio interno risorse e competenze per fronteggiare direttamente questo tipo di problematiche.
Gli operatori possono fornire un servizio di "pulizia" anti DdoS in modalità cloud dalla stessa piattaforma che eroga i servizi Vpn (Rete Privata Virtuale) e internet aziendale, con un modesto investimento supplementare.    
La soluzione presentata congiuntamente dalle due aziende è immediatamente disponibile ed è attualmente oggetto di test presso più di venti operatori in tutto il mondo. Per informazioni, consultare questo link.

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

  • Come superare il gap tecnologico

    La necessità della trasformazione del data centre per soddisfare le future necessità del business. Il commento di Ian Dixon, VP di Colt Services

  • La risposta di ATM

    la Risposta di ATM in relazione all'articolo. "ATM, i pagamenti elettronici non funzionano", pubblicato il 2 settembre su Impresa City

  • ATM, i pagamenti elettronici non funzionano

    Il sistema di pagamento e servizi clienti dell'ATM è del tutto inadeguato a un evento come l'Expo

  • Analizzare la sicurezza per difendersi dagli attacchi

    Quasi tutte le reti aziendali sono colpite periodicamente da attacchi di malintenzionati che si muovono nell'ombra continuando a sviluppare un crescente arsenale di minacce.

  • Le ambizioni di Rhel 7

    Gianni Anguilletti, country manager di Red Hat Italia, commenta alcuni aspetti legati al rilascio del nuovo sistema operativo.

...continua