Huawei cita in giudizio Motorola per violazione della proprietà intellettuale

Huawei cita in giudizio Motorola per violazione della proprietà intellettuale

Huawei ha citato in giudizio Motorola per aver trasmesso in modo illegale la proprietà intellettuale di Huawei a Nokia Siemens Networks.

di: Redazione ImpresaCity del 31/01/2011 15:00

 
Huawei ha chiesto a un tribunale federale di prima istanza americano di impedire a Motorola il trasferimento illegale della proprietà intellettuale di Huawei a Nokia Siemens Networks. Huawei ha intrapreso questa azione legale poichè NSN cerca di completare l'acquisizione da 1,2 miliardi di dollari del business wireless network di Motorola.
Dal 2000 Huawei e Motorola hanno collaborato nella produzione e commercializzazione di dispositivi nei settori radio access network e core network, e Motorola ha venduto con il proprio brand i prodotti wireless network costruiti da Huawei. Nel corso di questa collaborazione, a Motorola sono stati forniti prodotti e la proprietà intellettuale confidenziale di Huawei, grazie al lavoro di un team composto da più di 10.000 ingegneri.
Dall'annuncio della decisione ad opera di NSN di acquistare il business delle reti wireless di Motorola, nel luglio 2010, Huawei ha lavorato per assicurarsi che Motorola non trasferisse informazioni confidenziali a NSN. Nonostante ciò, Motorola non ha dato alcuna certezza che impedirà la divulgazione di tali informazioni a NSN. Se la proprietà commerciale e le informazioni fossero trasferite a una terza parte, Huawei soffrirebbe un ingente danno commerciale.
La mancata adozione da parte di Motorola di misure volte ad assicurare che le informazioni proprietarie di Huawei rimangano confidenziali ha spinto l'azienda a richiedere l'appropriata protezione legale dei propri diritti

Il reclamo formale di Huawei può essere consultato cliccando qui.

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

  • Come superare il gap tecnologico

    La necessità della trasformazione del data centre per soddisfare le future necessità del business. Il commento di Ian Dixon, VP di Colt Services

  • La risposta di ATM

    la Risposta di ATM in relazione all'articolo. "ATM, i pagamenti elettronici non funzionano", pubblicato il 2 settembre su Impresa City

  • ATM, i pagamenti elettronici non funzionano

    Il sistema di pagamento e servizi clienti dell'ATM è del tutto inadeguato a un evento come l'Expo

  • Analizzare la sicurezza per difendersi dagli attacchi

    Quasi tutte le reti aziendali sono colpite periodicamente da attacchi di malintenzionati che si muovono nell'ombra continuando a sviluppare un crescente arsenale di minacce.

  • Le ambizioni di Rhel 7

    Gianni Anguilletti, country manager di Red Hat Italia, commenta alcuni aspetti legati al rilascio del nuovo sistema operativo.

...continua