Logo ImpresaCity.it

LSI per l'high performance computing

La società presenta il sistema di storage midrange Engenio 7900 HPC, che combina alti livelli di prestazioni e di affidabilità con elevati livelli di disponibilità dei dati.

Autore: Barbara Torresani

Il claim di LSI "Connect people and information" esprime l'essenza della società, che ha scelto di canalizzare tutta la sua attenzione nei segmenti del networking, per connettere le persone, e dello storage, per il trattamento delle informazioni.
Negli ultimi due anni la società ha portato avanti questa missione, vivendo una forte evoluzione, che l'ha vista impegnata nel liberarsi di alcuni business non più in linea con la nuova missione e nell'acquistare delle realtà che le consentissero di occupare una posizione di leadership nei due mercati di riferimento, occupando la prima o la seconda posizione.
Nell'ambito del networking la società offre una serie di componenti per semiconduttori che vende direttamente ai player del comparto, mentre nello storage indirizza una duplice proposizione, una di controllori e sistemi finiti e l'altra per i semiconduttori, che  veicola attraverso un modello puramente OEM. Ed è proprio nel segmento dello storage che trova posto l'ultima novità in termini di prodotto dell'azienda.
Si tratta di un nuovo sistema midrange, Engenio 7900 HPC, concepito per il mondo dell'High Performance Computing, per applicazioni a elaborazione intensiva e carichi di lavoro ad ampia banda, che necessitano di prestazioni elevate e affidabilità del dato.
Nel presentare il sistema la società si è soffermata sul tema dell'esplosione esponenziale dei dati: "Non è questo un tema poi così nuovo, ha dichiarato Marco Dottarelli, managing director sales Emea Engenio Storage Group di LSI, è da più di un decennio che la tematica è all'attenzione del settore. Ciò che è nuovo è il fatto che tale esplosione è ancora più rapida di quanto previsto solo due anni fa".
LSI nell'ambito dell'High Performance Computing è molto attiva; si pensi agli oltre 50 petabyte di LSI storage installati in oltre 400 mila sistemi.
"E' questo un mercato di nicchia, ha affermato Dottarelli, ma LSI è molto focalizzata su di esso, tanto da aver creato una divisione apposita che segue solo ed esclusivamente questo segmento di mercato. Segmento che ha grandi opportunità di sviluppo, dovute soprattutto al balzo in avanti fatto dallo sviluppo dei processori, e anche al maggior utilizzo dell'IT in ambiti prima ad appannaggio di pochi".
Oggi l'HPC, infatti, trova ampia applicazione in settori quali: la modellazione 3D, l'analisi computazionale, il data mining, la ricerca&sviluppo, l'oil&gas, il geospaziale, i laboratori governativi, ma anche l'automotive, l'aerospaziale, la meteorologia, tutti settori con requisiti di elaborazioni di elevati volumi di dati.Basato sull'architettura di settima generazione XBB2, il nuovo sistema di storage offre 6,4 GB/s di ampiezza di banda sostenuti nelle letture disco, prestazioni quattro volte superiori a quelle della generazione precedente, e prestazioni di scrittura continuativa di 5,4 GB/s."Caratteristica distintiva del nuovo sistema storage midrange, ha sottolineato Dottarelli, è che oltre a garantire prestazioni elevate il 7900 garantisce anche disponibilità e affidabilità del dato".
La macchina, un singolo sistema, è in grado di erogare appunto 6,4 GB/s, è studiato per l'High Performance Computing, ma adatto anche ad ambienti di workload misti in cui il carico di lavoro è sequenziale ma anche transazionale (per esempio per applicazioni database related)"Il nuovo sistema storage offre opzioni di interfaccia host sostituibili sul campo, fra cui Fibre Channel a 4Gb/s e InfiniBand a 20 Gb/s, livelli di protezione RAID flessibili e scalabilità lineare fino a 256 drive FC o SATA alla release iniziale.
Per garantire un uptime in grado di assicurare un accesso ai dati senza interruzioni il sistema storage offre: failover automatico del path I/O e amministrazione on line, controller storage, unità disco e ricostruzione mediante unità disco hoot-spare globale, monitoraggio proattivo dello stato delle unità disco, mirroring della cache dati con batteria tampone e destage della memoria sul disco in caso di interruzione dell'alimentazione, archiviazione dei metadati di configurazione nelle unità disco configurate. 
Pubblicato il: 07/07/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud