Logo ImpresaCity.it

E-mail sicure con Ibm Iss

Proventia Network Mail Security System aiuta le aziende a ottenere una sicurezza preventiva completa

Redazione Impresacity

Si sa quanto oggi, più che mai, la sicurezza rappresenti una tematica tra le più importanti in ambito informatico. Per le aziende la dispersione di dati e la perdita di informazioni confidenziali rappresenta, infatti, un grosso problema, che trova risoluzione solo nell'adozione di strumenti adatti. Per rispondere a questa necessità Ibm, con la sua divisione Internet Security Systems (Iss), ha lanciato di recente un prodotto di sicurezza delle e-mail in grado di controllare la comunicazione inbound e outbound. Si tratta di nuova soluzione virtuale di e-mail security basata sul sistema Proventia Network Mail Security, e per questo chiamata Proventia Network Mail Security System, lanciato lo scorso anno dalla divisione, che, consentendo alla sicurezza email di girare accanto ad altre applicazioni all'interno di un solo hardware, permette alle aziende di qualsiasi dimensione di bloccare ogni malicious code indirizzato ai sistemi email (spam, phishing, attacchi, virus, worm e altri malcode). Oltre a ciò, aiuta le aziende a prevenire la fuga di dati sensibili o confidenziali al di fuori dai propri confini attraverso l'email. Al contrario di altre soluzioni di email security che si focalizzano solo su tecnologia anti-spam, questa targata Ibm Iss offre una protezione preventiva contro le minacce provenienti dalla posta elettronica mediante la tecnologia Ips (Intrusion prevention system). Il fatto di essere una soluzione di sicurezza virtuale permette poi di fornire valore aggiunto grazie al costo inferiore dell'hardware. Disponibile da settembre, attualmente il prodotto supporta la piattaforma di virtualizzazione VMware, ma nel futuro il supporto verrà esteso anche ad altre piattaforme.
Pubblicato il: 01/10/2007

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud