Logo ImpresaCity.it

Google compra la parte smartphone di HTC

Per circa un miliardo di dollari Google acquisisce le competenze di HTC nella progettazione di smartphone, puntando a un ecosistema solido

Se ne parlava da settimane e ora è ufficiale: Google acquisisce per 1,1 miliardi di dollari la parte di HTC che si occupa di progettazione, ricerca e sviluppo in campo smartphone. Si tratta di ben duemila dipendenti che entrano in Google con l'obiettivo abbastanza esplicito di rafforzare la posizione di Big G nel settore, probabilmente abbandonando del tutto la strada delle collaborazioni che a Mountain View hanno seguito per ogni nuova generazione dei Google Pixel.

Idealmente l'accordo dovrebbe permettere a Google di progettare e realizzare una propria linea coerente di smartphone Android senza coinvolgere produttori diversi a ogni generazione, anche se il manufacturing sarà comunque esterno. In questo senso il punto chiave è la coerenza dello sviluppo. Google non ha infatti il problema di rendere Android il sistema operativo mobile di riferimento in quanto a volumi: è già largamente al comando per quote di mercato rispetto al rivale iOS. Il punto è rafforzare la sua posizione nella fascia premium degli utenti e nel mondo aziendale, che sono due segmenti importanti e remunerativi.

google-pixel.jpg
Per fare questo Google deve proporre una linea di sviluppo coerente che convinca gli sviluppatori, le software house business e le imprese a puntare a lungo termine sulla piattaforma. Questo non è possibile al momento, per due motivi principali. Il primo è che non esiste di fatto una linea di device mobili Google come invece esiste una linea di prodotti Apple. Portando in casa persone e competenze di HTC - che commercialmente non è in salute ma i cui prodotti sono sempre stati apprezzati - dovrebbe essere possibile definire un futuro più chiaro.

Il vero problema sta però nella frammentazione di Android. Fintanto che il controllo del sistema operativo è anche nelle mani dei produttori di smartphone, che ne personalizzano l'interfaccia e controllano l'andamento degli aggiornamenti, dal punto di vista della usabilità in azienda si può persino dire che non ci sia una piattaforma solida e coerente. Questo potrebbe cambiare solo se Google riuscisse a conquistare una fetta significativa del mercato Android con i suoi prodotti, su cui installare il sistema operativo "puro" e garantendone l'aggiornamento regolare almeno a medio termine.

Così facendo le grandi software house, i partner e i system integrator potrebbero investire su Android come hanno fatto per iOS, tenendo presente che queste realtà non sommettono sui sistemi operativi ma sul rapporto con le case madri. Apple è una entità chiaramente presente, Google adesso lo è di più.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 21/09/2017

Tag:

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola