Logo ImpresaCity.it

Kaspersky rende più sicure le connessioni Wi-Fi

La soluzione Secure Connection for Android della security company russa permette di crittografare tutto il traffico inviato e ricevuto dallo smartphone

Kaspersky rende più sicure le connessioni Wi-Fi. La soluzione Secure Connection for Android della security company russa permette di crittografare tutto il traffico inviato e ricevuto dallo smartphone o farlo solamente nelle situazioni in cui è particolarmente importante, come quando si è connessi a una rete wireless di dubbia provenienza.

Di default l’app, disponibile in versione freemium, propone di attivare la protezione all’apertura di siti e applicazioni che contengono informazioni finanziarie (banche, negozi online e sistemi di pagamento) e dei social network. Inoltre, l’utente può selezionare siti e app per i quali impostare una protezione aggiuntiva. Secure Connection, disponibile anche per altre piattaforme, include 200 MB di traffico gratuito al giorno, e per un numero illimitato di dispositivi. Dopo la registrazione sul portale My Kaspersky, l’utente ottiene 300 MB quotidiani gratuiti.

La versione a pagamento della soluzione offre traffico illimitato per cinque device per un mese o un anno, a seconda dell’abbonamento scelto e a partire da 4,99 euro al mese. La soluzione del vendor russo è disponibile per il download e l’attivazione in tutte le regioni in cui l’azienda è presente, ad esclusione però dei seguenti Paesi, a causa di restrizioni legali: Bielorussia, Oman, Pakistan, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Cina e Hong Kong. La versione per iOs dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 17/08/2017

Tag:

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT