Logo ImpresaCity.it

NetApp, le aziende preoccupate per il Gdpr

Oltre il 70% dei CIO europei e dei manager IT sono preoccupati di non riuscire a rispettare la scadenza del 25 maggio 2018 imposta per aderire al regolamento generale sulla protezione dei dati

Oltre il 70% dei CIO europei e dei manager IT sono preoccupati di non riuscire a rispettare la scadenza del 25 maggio 2018 imposta per aderire al regolamento generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation - GDPR). E' quanto emerge dall'indagine commissionata da NetApp sull'adozione del cloud, la sicurezza e la conformità al GDPR in Europa.

In particolare, dall'indagine emerge una scarsa comprensione delle msiure che devono essere messe in atto per arrivare a una piena conformità rispetto a quanto disposto dalla nuova regolamentazione europea sulla protezione dei dati. La comprensione più alta è in Germania, ma solo il 17% degli intervistati tedeschi afferma di comprendere appieno la GDPR. La Francia è seconda con il 15%, seguita dal Regno Unito con il 12%. La maggioranza della base degli intervistati dice di avere una certa comprensione del GDPR (47%), ma a un solo anno dal termine del 2018, il 9% dice ancora che "non sa" cos’è il GDPR.

Solo un terzo (37%) degli intervistati in tutta Europa che afferma di investire fondi supplementari nella preparazione al GDPR entro il termine prefissato ed è la Germania a prepararsi di più all’avvento del GDPR, con oltre un quarto degli intervistati (27%) che dice di avere già assunto personale specifico con esperienza sulla protezione dei dati; la Francia è seconda con il 20%, segue il Regno Unito con il 17%.




Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 12/05/2017

Tag:

Speciali

webinar

E’ tempo di Next Generation SOC

Speciale

HPE: la data economy è questione di sinergie