La piattaforma Fujitsu-Oracle per il computing di nuova generazione

I nuovi server sono configurabili con un massimo di 32 processori e sono basati sulla piattaforma a 16 core, Sparc64 XII, e sul sistema operativo Oracle Solaris

Trasformazione Digitale
fujitsu.jpgDue nuovi sistemi server vanno ad ampliare la gamma Sparc M12. di Fujitsu. La caratteristica di fondo della nuova tecnologia server è l'estrema versatilità di utilizzo, sia in ambito on prem che in cloud, e la capacità di sostenere workload altamente performanti tipicamente in artee applicative big data.

I server M12-2 ed M12-2S sono configurabili con un massimo di 32 processori e sono entrambi basati sulla nuova piattaforma a
16 core, Sparc64 XII, e sul sistema operativo per database di Oracle, Solaris (nelle versioni 10 e 11). Il contributo di Oracle, oltre che nella piattaforma Solaris, consiste nella presenza del software di virtualizzazione Oracle VM Server, ma più in generale questi sistemi sono il frutto di “una stretta collaborazione” fra i due vendor.  

La nuova linea è l'evoluzione dei precedenti modelli mid-range della gamma M10. Citando test convalidati dalla Standard Performance Evaluation Corporation, Fujitsu sottolinea come questi nuovi server garantiscano le più elevate prestazioni al mondo per Cpu nel calcolo aritmetico, riducendo fra le altre cose i tempi necessari a recuperare informazioni all'interno dei database. Rispetto ai modelli M10, grazie al processore Sparc64 XII la velocità di calcolo è stata migliorata di due volte e mezzo.

Eredità dei modelli M10, una tecnologia di controllo e autocorrezione degli errori assicura la continuità del lavoro, essenziale soprattutto per le applicazioni mission-critical. Degna di nota è poi la nuova tecnologia di raffreddamento integrata da Fujistu in questi server: attualmente in attesa di brevetto (negli Usa e in Giappone), la Vapor and Liquid Loop Cooling, questo il nome, fa circolare il fluido refrigerante sfruttando l'effetto pompa del vapore.   Per quanto riguarda le possibilitùà di configurazione, si puà arrivare a un massimo di 32 processori sul singolo server, mentre collegando fra loro 16 blocchi si possono realizzare implementazioni di private cloud che raggiungono i tremila thread di Cpu.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Lug 23
Infoteam e Dell Technologies - Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza.

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori