Logo ImpresaCity.it

Con Mobileye, Intel investe sul futuro dell'auto

Il gigante del silicio ha acquisito l'israelieana Mobileye, società specializzata in tecnologie di elaborazione dati e computer vision per l'automotive

Redazione

Il gigante del silicio ha acquisito l'israelieana Mobileye, società specializzata in tecnologie di elaborazione dati e computer vision per l'automotive. 15,3 miliardi è la cifra che Intel si è detta disposta a pagare per metabolizzare la tecnologia  a prova di futuro. Obiettivo che muove l'acquisizione è infatti mettere a punto tutto quanto serve per automatizzare l'esperienza di guida.

mobil-eye-big.jpg15 miliardi di dollari è ad ora la cifra più alta che sia stata sinora messa a segno in questo settore, che vede in competizione aziende delle più diverse estrazioni: da Google Alphabet ad Uber, da Tesla a General Motors e  a Samsung, quest'ultima alla ribalta la scorsa ssettimana per aver completato l'acquisizione di Harman International Industries per 8 miliardi di dollari. Una tendenza che conferma le forti aspettative che le aziende ripongono nel futuro digitale dell'auto.

Fondata nel 1999 e composta da 600 dipendenti, Mobileye è specializzata in tecnologie di computer vision al servizio dei sistemi di guida assistita e, in futuro, delle vetture driverless: processori, videocamere e software di intelligenza artificiale, che rilevano ciò che accade intorno al veicolo per migliorare la sicurezza ed evitare incidenti e infrazioni del codice stradale. Ventisette produttori di auto già impiegano queste tecnologie, montate a bordo di 15 milioni di veicoli.
 

Per Intel tutto questo non è nuovo. Proprio Mobileye, insieme a Bmw, è il partner scelto per avviare (dalla scorsa estate) un progetto ambizioso: la creazione di una piattaforma per lo sviluppo di soluzioni automotive, con il fine ultimo di realizzare il primo mezzo a quattro ruote totalmente autonomo nel 2021. Tentando quindi di superare in corsia i già avviati progetti di Google (con la nuova società Waymo e la collaborazione con Fca), Uber (insieme a Volvo) ed Apple (intenzionata, probabilmente, a concentrarsi solo sugli aspetti software).  

Con l'acquisizione ora il progetto si fa ancora più chiaro. I processori Xeon, i circuiti integrati programmabili Fpga, le memorie 3D XPoint e i moduli 5G si combineranno con le tecnologie di Mobileye per “creare soluzioni di guida autonoma che andranno dal cloud , alla rete, all'automobile”, si legge in una nota dell'azienda. L'opportunità da cogliere è grande: Intel stima che l'hardware, i dati e i servizi collegati al mercato della guida autonoma nel 2030 smuoveranno un giro d'affari di 70 miliardi di dollari.  

In molti mi hanno chiesto perché io ritenga le automobili e i veicoli autonomi tanto importanti per il futuro di Intel”, ha scritto il Ceo, Brian Krzanich, in una lettera rivolta ai dipendenti. “La risposta è questa: i dati. La nostra strategia è quella di tranformare Intel nella forza motrice della rivoluzione dei dati, con ogni tecnologie e in tutti i settori di mercato. Noi siamo una società che lavora con i dati. Il nostro business centrale e le nostre soluzioni creano, utilizzano e analizzano enormi quantità di dati”.

Una vettura senza guidatore, ha fatto notare Krzanich, può produrre quotidianamente, in media, 4 TB di informazioni, ovvero l'equivalente del volume generato da circa tremila persone in un giorno. Con il contributo di Mobileye, i prodotti di Intel diventeranno “occhi intelligenti che permetteranno ai veicoli autonomi di percepire il mondo circostante”, ha dichiarato il Ceo.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 13/03/2017

Tag:

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy