Logo ImpresaCity.it

Il cloud è diventato mainstream

Crescita a doppia cifra per il cloud pubblico. Per il 2021 si stima che il mercato di riferimento possa raddoppiare il valore attuale

Redazione

Idc e Gartner confermano la progressiva affermazione del cloud pubblico. Le cifre sono del tutto divergenti, ma ciò dipende dagli elementi contabilizzati: più estesi per Gartner, che annovera anche voci di fatturato riferibili a Cloud Advertising e Cloud Business Process, più restrittivi per Idc, che associa la spesa a software, piattaforma e infrastruttura as a service.

cloud-computing.jpgA detta di Gartner, il valore dei servizi venduti lo scorso anno è arrivato a 209,2 miliardi di dollari, mentre quest'anno salirà del 18%, fino a
246,8 miliardi. I maggiori incrementi riguarderanno l'Infrastructure-as-a-Service, valutato in crescita del 36,8% quest'anno rispetto al 2016, e corripondente a un giro d'affari di 34,6 miliardi di dollari; il Software-as-a-Service nel corso del 2017 produrrà 46,3 miliardi di fatturato, con una crescita el 20% anno su anno.

Idc stima invece per quest' anno un giro d'affari di 122,5 miliardi di dollari, con un incremento del 24,5% rispetto al 2016. L'Europa Occidentale contribuirà al risultato del 2017 con una spesa di 24 miliardi di dollari. Il quadro di Idc contempla anche il futuro a medio termine: la società di ricerca stima fra il 2015 e la fine del decennio una crescita annua del 21,5%, che nel 2020 porterà nelle tasche dei fornitori di cloud pubblico 203,4 miliardi di dollari. I numeri, insomma, si sprecano e vanno sempre presi con le pinze, considerando che si tratta di stime.

Quello che appare significativo, negli scenari dipinti da entrambe le società di analisi, è che l'ascesa della nuvola non sembra destinata a rallentare più di tanto, sebbene a detta di Gartner si stia ormai entrando in una “fase di stabilizzazione”. La società di ricerca sottolinea però anche come i benefici apportati dal cloud – si citano
l'agilità, la scalabilità, i risparmi economici, l'innovazione e la crescita del business non cesseranno di influenzare gli acquisti It e le strategie delle aziende. Il valore del cloud, insomma, non si esaurirà perché è multidimensionale.

Un ulteriore e più specifico fattore di traino, inoltre, risulterà ancora valido nei prossimi anni, creando nuova domanda di servizi infrastrutturali: workload sempre più esigenti in termini di risorse di calcolo, come quelli legati agli analytics, all'Internet of Things e all'intelligenza artificiale. Questa tendenza influenzerà in direzione del cloud tanto le scelte tecnologiche delle grandi aziende, quanto quelle delle startup. Non possono e non potranno esserci Big Data senza nuvola, insomma.

Spostandosi di nuovo sull'analisi di Idc, si nota come quasi tutti i settori verticali dell'industria e del terziario siano destinati a far lievitare la spesa in cloud pubblico da qui al 2020, con tassi di crescita annuale superiori al 20%. I più “spendaccioni” saranno le aziende del settore manifatturiero, di quello bancario, i fornitori di servizi professionali, il retail, gli operatori dei media e delle telecomunicazioni.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 24/02/2017

Tag:

Speciali

webinar

E’ tempo di Next Generation SOC

webinar

Rivoluzione smart working e lavoro agile