Logo ImpresaCity.it

Wildix cresce e guarda all'America

La multinazionale italiana della comunicazione chiude il 2016 con una crescita di fatturato del 27%. Avviata l'espansione delle attività negli Stati Uniti

Emilio Mango

Fatturato globale in crescita del 27% rispetto al 2015. Wilidx, la multinazionale italiana della Unified Communication and Collaboration, continua a riportare risultati positivi. Anche in Italia, dove il volume d'affari è aumentato del 18% ed è stata acquisita un'importante commessa da parte di AutostradeIl giro d’affari complessivo è di oltre 7 milioni di euro, mentre le installazioni hanno superato quota 8mila in tutta Europa. 

stefano-osler-ceo-wildix.jpg
"La comunicazione unificata - ha affermato il Ceo Stefano Osler nel corso della convention Wildix italiana - rivoluziona il modo di lavorare delle imprese, mettendo a disposizione degli utenti uno strumento semplice e immediato per comunicare, qualsiasi sia la modalità con cui ciò accade: chat, chiamata, videoconferenza, Sms, Fax e email. Significa riqualificare la comunicazione potenziando gli strumenti e, di conseguenza, incrementando velocità e precisione nelle operazioni di tutti i giorni. Il che significa aumento di produttività".

Il messaggio più importante che emerge dalla kermesse bolognese è l’intenzione di penetrare con più energia nel mercato Usa. “Siamo sbarcati nel continente americano”, ha detto Osler, “perché consigliati da Gartner, nostro advisor da lungo tempo, ma anche perché a questo punto della nostra crescita non possiamo farne a meno. Qualsiasi multinazionale del settore Ucc che si rispetti deve fare business negli Stati Uniti, è anche una questione di immagine”.

Wildix ha già una decina di partner attivi negli Usa, e sta trovando terreno fertile grazie anche alla crisi di alcuni importanti competitor. “Il successo della nostra azienda”, ha spiegato il Cto Dimitri Osler, “non è dovuto solo alle strategie commerciali, ma anche all’innovazione tecnica che riusciamo a introdurre sul mercato. Non dimentichiamo che siamo stati i primi nel settore a rendere disponibile la tecnologia WebRtc e a supportare lo standard Html5”.

L’espansione internazionale di Wildix, ovviamente, non si fermerà agli Stati Uniti: l’azienda ha già un importante centro di sviluppo e coordinamento commerciale a Tallin, in Estonia (dove le infrastrutture sono migliori e i vincoli burocratici meno penalizzanti rispetto al nostro Paese) e ha ricevuto numerose richieste da mercati emergenti come quello indiano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 24/02/2017

Tag:

Speciali

Speciale

HPE: la data economy è questione di sinergie

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation