Logo ImpresaCity.it

Cloud Spanner, la sintesi Google del modello relazionale

Un database distribuito con una latenza nell’ordine dei millisecondi e scalabilità garantita dall'infrastruttura globale di Google

Un database distribuito con una latenza nell’ordine dei millisecondi e scalabilità garantita dall'infrastruttura globale di Google. È Cloud Spanner, la uova variante del database relazionale MySQL lanciato in versione beta pubblica da Google. Si tratta dello stesso Dbms utilizzato da Big G per sostenere gli imponenti carichi di lavoro di Adwords e Play Store, caratterizzati da decine di milioni di query al secondo.

cloud-spanner-4.png
Il servizio, disponibile tramite Api per tutti i clienti della Cloud Platform del colosso di Mountain View, nacque nel 2007 come tentativo di unire le caratteristiche dei database relazionali a quelle delle piattaforme Nosql; combinando quindi atomicità, consistenza, isolamento e durabilità (parametri Acid) a scalabilità orizzontale. Spanner completa ora il portafoglio di servizi di database gestiti disponibili sulla Cloud Platform di Big G, unendosi a Sql, Datastore e Bigtable.

I costi sono basati sul consumo effettivo delle risorse e il database aumenta o diminuisce le proprie dimensioni a seconda delle necessità, arrivando a elaborare migliaia di miliardi di righe. Spanner rappresenta la piattaforma ideale per i carichi di lavoro operativi supportati da database relazionali tradizionali, come la gestione delle scorte e le transazioni finanziarie. Quest’ultimo caso è forse uno dei più importanti e ben si presta alle caratteristiche di bassissima latenza offerte da Spanner.

Il servizio in beta supporta le transazioni distribuite, schemi e istruzioni Ddl, query Sql e driver Jdbc e fornisce già oggi librerie per i linguaggi di programmazione più popolari, tra cui Java, Go, Python e Node.js. Per riuscire a coordinare e a sincronizzare le risorse di calcolo distribuite, garantendo quindi la perfetta riuscita di operazioni distribuite su così vasta scala, Google fa affidamento essenzialmente alle Api Truetime.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 16/02/2017

Tag:

Speciali

Speciale

Un viaggio intorno al cliente consapevole

webinar

E’ tempo di Next Generation SOC