Logo ImpresaCity.it

Cultura e tempo libero: l’export italiano nel mondo vale 3 miliardi all’anno

Libri i più esportati, valgono un miliardo. Primi Francia e USA (+ 32%), Germania, Svizzera, UK. Cina prima per video, UK per editoria musicale, Israele seconda per fotografia.

Redazione ImpresaCity

Dai libri ai prodotti delle attività cinematografiche, dalla fotografia all’intrattenimento, dagli strumenti musicali agli articoli sportivi: l’export di cultura e tempo libero “made in Italy” nel mondo vale quasi 3 miliardi di euro all’anno. Ma per sapere dove va e da dove parte l’export, quali sono i maggiori mercati di sbocco e i prodotti più apprezzati arriva la mappa: “Cultura e tempo libero: i prodotti italiani nel mondo”, realizzata dalla Camera di commercio di Milano in collaborazione con Promos, la sua azienda speciale per le Attività Internazionali.
La mappa, disponibile in italiano e inglese, è scaricabile dal sito Promos al link: http://www.promosmilano.it/Informazione/Note-Settoriali.
Francia, Stati Uniti, Germania, Svizzera e Regno Unito concentrano oltre il 60% dell’export. In crescita in particolare Stati Uniti con 391 milioni di euro circa, +31,8%, Spagna 6° con 126 milioni, +13%, Cina (11°) e Hong Kong (12°), rispettivamente +20,5% e +38,9%. Tra le prime 15 destinazioni anche Giappone, 9° (+3,6%) e Polonia 10° (+9,2%).
Oltre alla Francia, prima per prodotti editoriali, software, fotografia e articoli sportivi, si distinguono: Stati Uniti per prodotti delle attività creative e di intrattenimento, delle biblioteche, degli archivi e per strumenti musicali, Cina per attività cinematografiche, video e televisive, Regno Unito per editoria musicale, Israele seconda per fotografia.
Libri, periodici e prodotti editoriali per un miliardo di euro, articoli sportivi per 883 milioni di euro, attività creative per 379 milioni, strumenti musicali per 117 milioni circa sono i prodotti più esportati. In crescita soprattutto i prodotti delle attività cinematografiche, video e televisive (+61,7%), quelli delle attività di biblioteche, archivi, musei e di altre attività culturali (+31,2%) e gli strumenti musicali (+12,6%).
I maggiori esportatori italiani? Milano con 366 milioni di euro (13,6%), Forlì-Cesena con 250 milioni (9,3%), Treviso con 240 milioni (8,9%). Seguono Bergamo 4°, Roma 5° e Modena 6°. Lombardia con 715 milioni di export rappresenta oltre un quarto del totale italiano. Oltre a Milano, 1° in Italia, ci sono anche Bergamo 4° e Monza e Brianza 14°.
La Lombardia per peso sul totale nazionale si distingue in prodotti delle attività fotografiche dove rappresenta ben il 94% con Monza e Brianza 1°, Milano 3° e Bergamo 2°, Varese 6° e Lodi 12° e in prodotti delle attività di biblioteche e archivi (53,1% del totale) con Milano 1° (52,4%).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 19/01/2017

Tag:

Speciali

webinar

E’ tempo di Next Generation SOC

webinar

Rivoluzione smart working e lavoro agile