Logo ImpresaCity.it

Il 2017 per le imprese milanesi: attesi affari positivi

Aspettative di affari positivi nel 2017 per una impresa su due. Per una città sempre più europea e vivibile in cui puntare sui giovani.

Redazione ImpresaCity

Segnali positivi dall’economia milanese per la metà delle imprese per le quali, nell’ultimo anno, sono cresciuti gli affari. Stabile il business per oltre una impresa su quattro (28,9%) mentre la situazione è ancora difficile per il 14%.
Tra i temi principali per il futuro della città le imprese individuano il bisogno di maggiore semplificazione e la riduzione dei costi, sicurezza e vivibilità. Per una Milano che immaginano sempre più europea, vivibile e multietnica ma polarizzata tra benessere e povertà, con rischi temuti per sicurezza e degrado, che deve puntare ancora di più sui giovani.
Emerge da un’indagine della Camera di commercio di Milano.
Le imprese attive a Milano sono circa 297 mila (il 5,7% del totale nazionale di quasi 5,2 milioni), Milano si colloca al secondo posto nella classifica delle province italiane dopo Roma che è prima con circa 350 mila imprese (6,8%). Milano è prima però per numero di addetti con oltre 1,9 milioni mentre Roma, che è seconda, si ferma a 1,5 milioni.
I settori che pesano di più a Milano sono il commercio (25,2% tra dettaglio e ingrosso), le costruzioni (13,6%), le attività immobiliari (10,2%), il manifatturiero (9,9%), le attività professionali e scientifiche (8,3%) e i servizi di alloggio e ristorazione (6,3%).
Soddisfatte dell’andamento degli affari il 48% delle imprese milanesi tra chi cresce abbastanza, molto e moltissimo. Crescita bassa per il 28,9% mentre gli affari non vanno bene per il 14,4%. 2017: le aspettative per la propria impresa. Per un’impresa su quattro (24,5%) non ci saranno cambiamenti rispetto al 2016. Il 46% si aspetta invece miglioramenti, per il 18,2% gli affari miglioreranno addirittura tra il 10% e 20% in più, per quasi un’impresa su venti (3,8%) di oltre il 20%. Il 16% si aspetta affari in diminuzione in media di circa il 10%.
I temi principali per il futuro di Milano? Minori costi, semplificazione ed aiuti per le imprese per il 21,5% e poi vivibilità (20,5%) e sicurezza (20,1%). Un ruolo maggiore per i giovani la priorità per l’11,5% e puntare su ricerca e innovazione per il 10,2%. Gli immigrati e la necessità di integrazione il tema urbano più importante per il 6,7%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 05/01/2017

Tag:

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito