Logo ImpresaCity.it

Da NetApp nuovo array all flash entry level

Ampliata la gamma di sistemi array all-flash con un nuovo modello di fascia entry level particolarmente adatto alle medie imprese

Redazione

NetApp amplia la gamma di sistemi array all-flash rendendo disponibile un nuovo modello di fascia entry level, NetApp All Flash FAS (AFF) A200, particolarmente adatto a medie imprese che vogliono migrare alla nuova tecnologia di storage.

Ottimizzazione dell'infrastruttura, aumento delle performance, semplificazione nell'accesso ai dati, le soluzioni proposte da NetApp mirano a mettere nelle mani degli utenti una tecnologia coerente con le attuali necessità nell'ambito dell'analisi dei dati.

La tecnologia All-Flash è diventta la soluzione principale per la gestione dei workload in produzione”, afferma Peter Wüst, NetApp Senior Director Emerging Solutions & Innovation. “La nuova soluzione entry-level A200 amplia il nostro portfolio all-flash e offre alle medie imprese la piena e comprovata potenza di NetApp Data Fabric, consentendo loro di gestire un insieme comune di dati tra risorse su flash, su disco e in cloud. Per ogni esigenza di bilancio e requisito di business, NetApp offre ora una soluzione all-flash per la gestione dei dati, che migliora in maniera considerevole l'ergonomia dei data center grazie a un risparmio in termini di ingombro e consumo di energia, oltre a offrire ai clienti la possibilità di controllare i loro dati attraverso tutte le loro risorse on-premise e in cloud”. 

"La tecnologia flash - sottolineano in NetApp - riscuote un crescente successo sul mercatoe gli utenti sono consapevoli che , pur dovendo sostenere un costo d'ingresso più elevato rispetto allo storage tradizionali, possono disporre di tecnologia con un price performance di un ordine di grandezza significativamente superiore.".
Pubblicato il: 15/12/2016

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud