Logo ImpresaCity.it

Nuove startup: registro e bollo viaggiano in F24

Questa nuova modalità di registrazione semplifica gli adempimenti per costituire startup innovative, poiché permette di effettuare tutti gli adempimenti facendo riferimento a un unico interlocutore.

Redazione ImpresaCity

E’ adesso possibile versare tramite F24 l’imposta di registro, l’imposta di bollo e i relativi interessi e sanzioni connessi alla registrazione degli atti costitutivi delle startup innovative previste dal Dl n. 179/2012 e costituite secondo le modalità stabilite dal Dl n. 3/2015.
È quanto stabilisce un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate che estende l’utilizzo del modello anche a queste tipologie di tributi, in un’ottica di semplificazione degli adempimenti e di una maggiore efficienza nella gestione dei versamenti.
Pronti anche i codici da utilizzare per i pagamenti, istituiti con la risoluzione n. 56/E. Si tratta del codice “1540” per l’imposta di registro relativa all’atto costitutivo della startup innovativa; del codice “1541” per la sanzione da ravvedimento relativo all’imposta di registro; del codice “1542” per l’imposta di bollo; del codice “1543” per le sanzioni da ravvedimento da imposta di bollo; del codice “1544” per gli interessi da ravvedimento.
Considerati i tempi tecnici necessari all’adeguamento dei sistemi informativi, fino al 31 luglio 2016 gli stessi pagamenti potranno essere effettuati anche con il modello F23, utilizzando i relativi codici tributo ordinariamente previsti per la registrazione degli atti privati. La registrazione dei suddetti atti costitutivi è effettuata con modalità innovative mediante posta elettronica certificata attraverso le funzionalità messe a disposizione nella piattaforma startup.registroimprese.it.
Questa nuova modalità di registrazione, realizzata sinergia con Unioncamere, è una grande semplificazione degli adempimenti necessari alla costituzione della startup innovative, poiché permette alle società di effettuare sia gli adempimenti fiscali che quelli camerali facendo riferimento a un unico interlocutore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 22/07/2016

Tag:

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy