Azure Stack slitta a metà 2017

Il sistema che consente di costruire cloud privati eseguendo lo stesso software utilizzato nel pubblico è stato posticipato da Microsoft, anche per perfezionare alcune partnership.

Cloud
Microsoft modifica la propria strategia nel cloud ibrido. Azure Stack, infatti, verrà posticipato alla metà del 2017, ma la piattaforma sarà fornita nel contesto di sistemi integrati costruiti da alcuni partner hardware. Questo significa che le aziende, di fatto, non potranno implementare il software su macchine compatibili di propria scelta.
Azure Stack consente ai clienti di far girare un’istanza privata della piattaforma cloud di Microsoft nel proprio data center, di fatto combinando in un unico ambiente sviluppi cloud pubblici e privati.
La versione beta potrà essere implementata su server già presenti nelle aziende, ma quella definitiva sarà fornita solo in sistemi integrati, inizialmente forniti da Hewlett-Packard Enterprise, Lenovo e Dell.
L’approccio scelto da Microsoft somiglia molto a quello già utilizzato per Azure Pack, anch’esso disponibile su determinati hardware e proposto per far girare Azure in un data center privato. 
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori